Golpe in Niger, delegazione Mali e Burkina Faso a Niamey per “solidarietà”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Una delegazione congiunta di Mali e Burkina Faso è arrivata a Niamey, la capitale del Niger, per esprimere “solidarietà” ai golpisti che hanno deposto il presidente Mohamed Bazoum, mentre è scaduto l’ultimatum dei Paesi dell’Ecowas, che hanno minacciato un intervento militare. Lo riportano i media locali, citando le autorità maliane, secondo cui questa missione si tiene per “testimoniare la solidarietà dei due Paesi al popolo fratello del Niger”. 

Dopo la scadenza dell’ultimatum lanciato ai golpisti per rilasciare il capo dello Stato, fonti militari dell’Ecowas hanno sottolineato al Wall Street Journal che serve ulteriore tempo agli Stati africani che intendono reinsediare con la forza il presidente Bazoum. 

“Dobbiamo rafforzare le nostre forze prima di partecipare a una simile operazione militare. Il successo di qualsiasi operazione militare dipende da una buona preparazione”, ha affermato un comandante di alto rango di uno degli Stati membri dell’Ecowas. 

Il blocco di Paesi dell’Africa occidentale, che non ha ancora rilasciato una dichiarazione ufficiale dopo la scadenza dell’ultimatum di sette giorni imposto alla giunta, dovrebbe concedere una proroga di una settimana. 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Pediatria: Acp, ‘estendere età a 18 anni e affrontare salute mentale’

Articolo successivo

Accenture: “La digitalizzazione nel futuro del mercato”

0  0,00