Marocchinate, arriva ddl Fdi

2 minuti di lettura

(Adnkronos) – Fratelli d’Italia torna ad accendere i riflettori sulle “Marocchinate” e lo fa con un disegno di legge di iniziativa del senatore Andrea De Priamo che punta a istituire una giornata nazionale in memoria delle vittime degli stupri di guerra del 1943-44 e un fondo per risarcire le vittime dei danni subiti. Il ddl targato Fratelli d’Italia, si legge nel testo depositato a Palazzo Madama che l’Adnkroos ha potuto visionare, ha l’obiettivo di promuovere “la memoria dei tragici eccidi perpetrati ai danni della popolazione italiana durante la Seconda guerra mondiale ad opera, in particolare, delle truppe coloniali, composte in prevalenza da marocchini, algerini, tunisini e senegalesi”, i quali erano inquadrati nel “Corpo di spedizione francese in Italia”.  

Con il termine “Marocchinate”, spiega la relazione introduttiva al disegno di legge, “dal 1946 vengono generalmente definiti tutti gli episodi di violenza sessuale e violenza fisica di massa, ai danni di migliaia di individui di tutte le età (ma soprattutto di donne) effettuati dalle truppe coloniali inquadrate nel Corpo di spedizione francese in Italia”. Violenze “sistematiche” che iniziarono con lo sbarco in Sicilia, nel luglio 1943, e proseguirono nel 1944 in Campania, Lazio e Toscana, raggiungendo “punte di inaudita ferocia” in Ciociaria e “riducendosi di numero nell’estate del 1944 con il ritiro del Cef dal fronte di guerra italiano”. “Donne di ogni età, ma anche uomini, subirono stupri spesso compiuti in gruppo e chi si opponeva – ricorda il senatore De Priamo – veniva picchiato selvaggiamente o ucciso”. 

“Furono più di 60.000 le vittime che ebbero il coraggio di denunciare le atrocità subite”, riporta il firmatario del disegno di legge, sottolineando come all’epoca “solo un terzo” delle vittime abbia presentato denuncia alle autorità militari francesi e a quelle italiane: “quindi si presume che due terzi degli episodi furono taciuti”, osserva De Priamo, che parla di “una delle pagine più buie della Seconda guerra mondiale”, narrata tra l’altro anche dal celebre film drammatico del 1960 di Vittorio de Sica, “La Ciociara”, opera cinematografica tratta dall’omonimo libro di Alberto Moravia con Sophia Loren protagonista. 

La proposta di Fdi intende dunque istituire una giornata nazionale per ricordare le vittime dei crimini, “recependo in tal senso la richiesta dell’Associazione Nazionale Vittime della Marocchinate che da anni si batte su questo tema”. Fratelli d’Italia individua questa giornata nella data del 18 maggio di ogni anno, “ossia il giorno in cui, nel 1944, i soldati polacchi issarono la bandiera sulle rovine dell’Abbazia di Monte Cassino e i coloniali inquadrati nel Corpo di spedizione francese in Italia sciamarono nella vallata dopo aver sfondato la linea Gustav”, la linea fortificata difensiva che divideva in due la penisola italiana: a nord il territorio in mano alla Repubblica sociale italiana e alle truppe tedesche, a sud gli Alleati. 

Viene inoltre proposta la creazione di un apposito Fondo “per riconoscere concretamente le conseguenze di tutti i crimini efferati” e “offrire un risarcimento soprattutto morale a chi fu vittima di omicidi e stupri”. “Riconoscere e ristorare, per quanto possibile, chi subì un’ingiusta violenza da parte di militari di qualsiasi schieramento”, secondo De Priamo “serve anche ad esprimere una forte condanna alle violenze che ricadono su inermi civili per opera di soldati in armi, a qualsiasi schieramento appartengano”.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sofia Castelli, la lettera dell’amica Aurora: “A 20 anni non si deve morire”

Articolo successivo

Ucraina, Russia: “Formula Zelensky per la pace? Ultimatum senza senso”

0  0,00