Cinque stranieri arrestati a Cagliari per sfruttamento del lavoro nero

1 minuto di lettura

CAGLIARI (ITALPRESS) – La Polizia ha smantellato una presunta associazione a delinquere che reclutava i cittadini stranieri ospiti del Centro di Accoglienza Straordinaria di Monastir (CA), per farli lavorare in nero in alcune aziende agricole della provincia. La Squadra Mobile di Cagliari ha eseguito cinque fermi di indiziato di delitto a carico di altrettanti cittadini pakistani, dimoranti a Cagliari, tutti con permesso di soggiorno in Italia, indagati per aver costituito e organizzato un'associazione a delinquere finalizzata all'intermediazione illecita e allo sfruttamento del lavoro nero, con violazione dei contratti nazionali e delle norme sulla sicurezza del lavoro. Un altro cittadino pakistano, che avrebbe fatto da autista per l'organizzazione, è stato indagato in stato di libertà quale partecipe dell'associazione a delinquere. I fermati, ogni mattina, prelevavano dal Cas gli stranieri e li portavano a lavorare in alcune aziende agricole della provincia, che li sfruttavano dando loro una paga di 5 euro l'ora. A volte i lavoratori dovevano provvedere anche a procurarsi il cibo per la giornata. Sono 12 i titolari di aziende agricole e cantine indagati in stato di libertà perché avrebbero utilizzato manodopera, sottoponendo i lavoratori a condizioni di sfruttamento e approfittando del loro stato di bisogno. Nell'operazione sono stati impegnati complessivamente 60 uomini della Squadra Mobile, del Reparto Prevenzione Crimine di Abbasanta e del Reparto Mobile di Cagliari. foto: screenshot video Polizia di Stato (ITALPRESS). tvi/com 20-Set-23 10:07

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Scoperta truffa sul Reddito di cittadinanza a Milano, 600 denunciati

Articolo successivo

Dalle baite ai rifugi di montagna: i servizi ecologici di Idrospurghi Della Pietra prendono quota

0  0,00