Medicina, nefrologo: “Nefrite lupica per 6mila italiani ma cause non chiare”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Chi è colpito da lupus eritematoso sistemico – 27mila italiani, il 90% donne – può sviluppare anche un’infiammazione dei reni, la nefrite lupica. “Succede nel 24% dei casi, per un totale di oltre 6.600 casi e più di 350 nuove diagnosi l’anno. Si tratta di una malattia renale di cui non sono ancora del tutto chiare le cause”. Lo ha sottolineato Sandro Feriozzi, direttore Uo Nefrologia ed Emodialisi ospedale Belcolle di Viterbo, intervenendo alla conferenza stampa ‘Nefrite lupica – Nuove opportunità terapeutiche per i pazienti’, che si è tenuta oggi a Roma (Palazzo Ferrajoli). 

“Le alterazioni del sistema immunitario, provocate dal lupus – ha spiegato lo specialista – possono attaccare anche i ‘filtri’ del nostro organismo. I pazienti presentano un alto rischio di recidive che determinano ulteriori danni ai reni e di conseguenza anche una pericolosa progressione a malattia renale cronica. Da tempo vi è la necessità di disporre di nuove e più efficaci opzioni terapeutiche che devono presentare alti tassi di risposta renale completa per migliorare la prognosi della patologia. Al tempo stesso è fondamentale ridurre l’uso di corticosteroidi ad alte dosi in quanto possono causare complicanze come infezioni, osteoporosi, malattie cardiovascolari e metaboliche. La voclosporina sembra possedere queste caratteristiche e ha dimostrato di ridurre il danno d’organo. Garantisce buoni valori in termini sia di funzionalità renale che di riduzione di proteine nelle urine”. Secondo Feriozzi “la terapia, quando fatta per tempo e in modo appropriato, può cambiare il decorso della malattia. Se c’è una malattia che i nefrologi in qualche modo curano con soddisfazione è proprio la nefrite lupica, consci che dalle nostre decisioni può dipendere la gran parte di quello che poi sarà il decorso clinico”.  

Essendo la nefrite lupica una malattia renale, l’esperto mette in guarda sul consumo di sale. “Per i reni il banale sale da cucina, il clorulo di sodio, è un veleno – ha avvertito Feriozzi – Ed essendo contenuto negli alimenti, quel poco che c’è può bastare. Ma per la salute dei nostri reni è consigliabile mantenere il peso ponderale, praticare attività fisica, un toccasana anche per cuore, polmoni e apparato muscoloscheletrico”.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Usa, bimbo muore all’asilo nido per overdose di Fentanyl

Articolo successivo

Dengue, ecco quando è previsto il picco di casi in Italia

0  0,00