Cersaie 2023, Dennis Bordin (Progress Profiles): “Non delocalizzare e produrre in Italia ci ha premiati”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “Noi come azienda abbiamo sempre voluto non delocalizzare quindi produrre tutti i nostri materiali in Italia. Tutta la filiera è fatta in Italia, per cui il nostro credo è sempre stato produzione made inItaly a tutti i costi e questo ci ha premiato con una crescita costante sotto tutti i punti di vista.”
“Crediamo molto al progetto di formare a tutti i livelli i posatori del settore perché altrimenti la ceramica potrebbe risentirne. Le ceramiche sono le aziende di riferimento a livello internazionale come innovazione; noi operatori parliamo di accessori finiture e sistemi di posa, siamo altrettanto importanti nella filiera, però senza il posatore certificato e che sia portato a conoscenza di tutti i materiali e sistema di posa il settore potrebbe soffrirne spiega Dennis Bordin Amministratore Delegato di Progress Profiles Spa al Cersaie 2023, Salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno, di Bologna. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Meta, visori e occhiali smart: Zuckerberg svela novità

Articolo successivo

Cersaie 2023, Raimondi (Raimondi Spa): “Il posatore è una figura professionale importantissima”

0  0,00