Trento. Pro Vita Famiglia: Drag Queen in teatro parrocchiale, perché vescovo Tisi non prende posizione?

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Trento, 5 ottobre 2023. «Domani si terrà a Cembra, in provincia di Trento, uno spettacolo Drag Queen, dal titolo “Essere Drag”, nel teatro parrocchiale. Abbiamo già denunciato come sia vergognoso che il Comune, a cui è stato dato in gestione per 20 anni, lo abbia concesso per un evento che non ha niente di culturale né di artisticamente utile o dilettevole e soprattutto mette in scena il cattivo gusto ed è pericoloso se fruito da adolescenti e bambini. Ci siamo rivolti, con due email ufficiali, all’arcivescovo di Trento monsignor Lauro
Tisi, per chiedere di prendere le distanze dell’uso così scorretto e ideologico di un teatro che comunque, appunto, rimane parrocchiale, seppur gestito dal Comune. Non abbiamo ricevuto nessuna risposta e sembra che il vescovo voglia lavarsene le mani. Perché? Perché piegarsi a questa strumentalizzazione di un luogo che nasce per essere a disposizione non solo della cittadinanza ma dei fedeli? Perché tacere e quindi dare man forte all’indottrinamento ideologico gender ed Lgbtqia+ di giovani e bambini, ma anche adulti, che va in diretto contrasto con il Magistero della Chiesa e con qualsiasi linea pastorale? Siamo stupiti e amareggiati da questo silenzio del vescovo Tisi». Così Toni Brandi, presidente di Pro Vita & Famiglia onlus. 

-Ufficio Stampa Pro Vita e Famiglia Onlus 

t.: 0694325503 

m.: 3929042395 

stampa@provitaefamiglia.it
 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Migranti, Giorgia Meloni: “Siamo tutt’altro che isolati in Ue”

Articolo successivo

Salute: studi, spuntini di mandorle migliorano la dieta e aiutano a perdere peso

0  0,00