Israele ordina evacuazione 1 milione di civili da Gaza City. Hamas: “Restate qui”

2 minuti di lettura

(Adnkronos) – A una settimana dall’attacco di Hamas, Israele ha ordinato l’evacuazione totale dei civili di Gaza City verso sud in vista dell’inizio dell’operazione di terra. Hamas, secondo testimoni citati dall’agenzia Dpa, esorta a ignorare l’ordine e tenta di bloccare chi si dirige verso sud, parlando di “propaganda e guerra psicologica”. Stando all’Onu, oltre un milione di persone sarebbe coinvolto nell’evacuazione ordinata da Israele.
 

 

Secondo le ultime news sulla guerra di oggi, 13 ottobre 2023, l’esercito dello stato ebraico in una nota sottolinea che “l’organizzazione terroristica Hamas ha intrapreso una guerra contro lo Stato di Israele e Gaza City è un’area in cui si svolgono le operazioni militari. Questa evacuazione è per la vostra sicurezza protezione. Spostatevi nell’area a sud del Wadi di Gaza”.  

“Potrete tornare a Gaza City solo quando verrà fatto un altro annuncio che lo consentirà. Non avvicinatevi all’area della barriera di sicurezza con lo Stato di Israele”, ha aggiunto l’esercito, secondo cui “i terroristi di Hamas si nascondono a Gaza City nei tunnel sotto le case e all’interno di edifici popolati da civili innocenti”. 

“Civili di Gaza City, evacuate a sud per la vostra sicurezza e quella delle vostre famiglie e prendete le distanze dai terroristi di Hamas che vi usano come scudi umani – si conclude la nota – Nei prossimi giorni, l’Idf continuerà a operare in modo significativo a Gaza City e farà grandi sforzi per evitare colpire i civili”. 

 

“Stiamo combattendo un gruppo terroristico, non la popolazione di Gaza. Vogliamo che i civili non subiscano danni, ma non possiamo convivere con il dominio di Hamas-Isis vicino al nostro confine”, ha dichiarato il portavoce dell’esercito israeliano, il contrammiraglio Daniel Hagari. 

L’esercito, ha spiegato Hagari, vuole minimizzare le perdite civili e massimizzare i danni inflitti a Hamas. L’ordine di evacuare i palestinesi ha proprio lo scopo di garantire “libertà di azione e di aggravare il danno” contro Hamas, ha proseguito il portavoce, secondo cui l’obiettivo è “distruggere questa organizzazione”. “Sappiamo che ci vorranno diversi giorni” per l’evacuazione, ha aggiunto Hagari, secondo cui chi non rispetta la raccomandazione di lasciare Gaza City “mette in pericolo la sua famiglia”. 

 

Le autorità di Hamas hanno chiesto agli abitanti di Gaza City di ignorare l’ordine di evacuazione verso sud annunciato da Israele in vista dell’avvio dell’operazione di terra. Secondo Hamas, si tratta di “falsa propaganda volta a confondere i cittadini e a rompere la coesione interna palestinese”. Secondo testimoni citati dall’agenzia Dpa, Hamas ha bloccato diverse persone che hanno lasciato le loro abitazioni per dirigersi verso il sud della Striscia di Gaza. Sempre secondo le fonti citate dalla Dpa, nella Striscia starebbe montando il panico anche a causa della mancanza di indicazioni chiare da parte di Hamas. 

 

L’esercito israeliano ha annunciato che 750 obiettivi militari sono stati colpiti nei raid notturni condotti da decine di aerei sulla Striscia di Gaza. Tra gli obiettivi colpiti, si legge in una nota, figurano “tunnel sotterranei di Hamas, compound e postazioni militari, residenze di terroristi di primo piano utilizzati come centri di comando militare, depositi di armi e reti di comunicazione”. Israele ha anche annunciato di aver ucciso un comandante della ‘Nukhba’, l’unità militare speciale di Hamas. 

 

Sale il bilancio nella Striscia di Gaza dopo le operazioni israeliane seguite all’attacco di Hamas di sabato. Secondo il ministero della Sanità di Gaza, sotto il controllo di Hamas, si contano almeno 1.537 palestinesi morti e 6.612 feriti. 

Da parte loro le forze israeliane (Idf) hanno diffuso i nomi di altri 12 soldati uccisi in scontri dall’attacco di Hamas di sabato scorso in Israele. Sale così a 257 il numero dei caduti fra i militari. 

 

Sono oltre 400mila gli sfollati nella Striscia di Gaza. Secondo dati diffusi nelle ultime ore dall’Ocha (Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli Affari umanitari), gli sfollati interni sono “oltre 423.000”, con “aumento del 25% in 24 ore”, e circa due terzi hanno trovato riparo in scuole gestite dall’Unrwa, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi .
 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Meteo previsioni, arriva il ciclone Medusa: cosa succede la prossima settimana

Articolo successivo

Alimentiv Inc. Announces New Scientific Advisors Leading Research In GI-Related Therapeutics

0  0,00