Israele, raid su Libano. Al Jazeera: ucciso giornalista

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
Un giornalista di Al Jazeera è morto e altri 3 sono rimasti feriti in un raid di Israele nel sud del Libano, dove è stata colpita un’auto sulla quale viaggiavano i 4. Lo ha reso noto la stessa emittente di Doha. 

E’ una “situazione molto pericolosa” quella del Libano, “il timore è il peggio” e “tutto è possibile”, dicono all’Adnkronos fonti informate libanesi nel giorno in cui è a Beirut il ministro degli Esteri dell’Iran, Hossein Amir-Abdollahian. Ha incontrato il premier Najib Miqati, ma anche il numero uno di Hezbollah, Hasan Nasrallah. 

“Uno sparo nel sud del Libano finirebbe per coinvolgere il Paese nella guerra a Gaza” e “non ci devono essere errori”, dicono le fonti dopo l’attacco di sabato scorso di Hamas in Israele e la risposta israeliana con i bombardamenti nella Striscia di Gaza, controllata da Hamas. Mentre – osservano, precisando di “non avere informazioni” e che si tratta solo di “un’analisi” – l’Iran “sta cercando di fermare la normalizzazione tra Israele e Arabia Saudita”. 

Hezbollah è “assolutamente preparata” a intervenire contro Israele ed agirà “al momento giusto”, ha detto il numero due della gruppo, Sheikh Naim Qassem. Cosa farà in realtà Hezbollah, dicono le fonti dal Libano, è “una decisione iraniana”. Lo scenario va dallo “status quo, a una guerra fredda nel sud, a un coinvolgimento nel conflitto”, aggiungono e tendono comunque a escludere “un coinvolgimento diretto nella guerra”. 

Le fonti insistono sull’accordo in Israele sulla creazione di un governo d’emergenza, sul gabinetto di guerra, un “segnale molto forte”. E, dicono, “il timore è il peggio” perché “l’Esercito libanese non è un ‘decision-maker’ nel sud del Libano” e Unifil, la forza Onu (sotto il capitolo VI della Carta delle Nazioni Unite), “è purtroppo solo come un osservatore”, mentre ci sono “fazioni come Hezbollah o la Jihad Islamica che possono sempre lanciare razzi contro il territorio israeliano”. E “quando non c’è un vero Stato – concludono – tutto è possibile”. Nelle ultime ore infatti c’è stato un nuovo intervento dell’artiglieria israeliana dopo un sospetto tentativo di infiltrazione dal sud del Libano. 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sanità: epatite C, al via in Basilicata screening gratuito per il virus Hcv

Articolo successivo

One Health Project, Cenci (ESG): “Persone e loro comportamenti possono fare la differenza”

0  0,00