Prezzi, Filiera Italia: bene contrasto all’inflazione ma sanzioni a chi acquista sotto costi produzione

2 minuti di lettura

(Adnkronos) – “Bene l’impegno comune per cercare di tenere fermi i prezzi di beni alimentari di prima necessità inseriti nel carrello del “trimestre anti-inflazione” ma con i dovuti distinguo”. Ad affermarlo in una nota è Luigi Scordamaglia, amministratore delegato di Filiera Italia, in occasione del tavolo permanente anti-inflazione tenutosi oggi al Ministero delle Imprese e del Made in Italy alla presenza dei ministri delle Imprese, Adolfo Urso e il ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida. 

“Purtroppo gli ultimi tre mesi dell’anno – sottolinea Scordamaglia – saranno duri per molti produttori agricoli ed alimentari per l’imprevedibilità del costo dell’energia a causa dei recenti drammatici episodi in Medio Oriente, per il costo del denaro che ha ampiamente compensato la riduzione del costo energetico negli ultimi mesi nei bilanci delle aziende e per il passaggio repentino da eccessi di calore e siccità all’arrivo improvviso di gelate e fenomeni estremi che hanno fatto crollare rese e produzione di ampi settori ad esempio dell’ortofrutta”, aggiunge Scordamaglia. 

“Non si possono chiedere gli stessi impegni a chi ha margini su cui intervenire e a chi invece non riesce a coprire costi di produzione drammaticamente esplosi – sottolinea – è per questo che abbiamo proposto al Governo, che su questo si è dimostrato fortemente collaborativo, di affidare ad Ismea un’analisi trasparente e da rendere pubblica dei costi di produzione e delle marginalità delle singole fasi e filiere produttive che facciano capire la differenza tra chi deve chiudere per la mancata copertura dei costi di produzione e chi invece specula”.  

Oggi al tavolo, rileva Scordamaglia, “abbiamo sentito qualcuno dire che una risposta all’inflazione può essere aumentare le importazioni di prodotto a basso costo. Per Filiera Italia non è questa la via, se il prodotto a basso costo viene da Paesi terzi che non rispettano le regole a partire dal lavoro etico”.  

Un esempio emblematico in questo senso è il concentrato di pomodoro proveniente dalla regione dello Xinjiang cinese in cui viene usato lavoro forzato (con minoranze tenute incarcerate costrette a lavorare sui campi) la cui importazione nell’ultimo anno è aumentata enormemente in Italia per un prezzo che è circa la metà del pomodoro prodotto in Italia, ed è per questo che nei giorni scorsi Filiera Italia e Coldiretti ha chiesto alla Commissione europea di vietare l’importazione nella Ue del pomodoro proveniente dallo Xinjiang seguendo l’esempio di Usa, Canada e Regno Unito.  

“Con il Governo siamo impegnati a favorire un prezzo quanto più equo ed accessibile per beni alimentari di prima necessità a tutte le famiglie, ma verso quelle (poche fortunatamente e ben note) realtà che pensano di approfittare di tale iniziativa per ricominciare a comprare sotto costo di produzione, con aste al ribasso e ricorrendo ad altre pratiche commerciali sleali abbiamo già chiesto l’intervento delle Autorità preposte e l’applicazione delle rigide sanzioni, oggi finalmente proporzionali al fatturato, previste dalla normativa”, conclude Scordamaglia. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Zentiva entra nel settore benessere con progetto ‘Zenessere’

Articolo successivo

Euro2024: Nazionale.Inghilterra-Italia,oltre 8 milioni di telespettatori

0  0,00