Report salute: riconoscere valore di over 65 centrali per società e giovani

3 minuti di lettura

(Adnkronos) – Sono le persone con oltre 65 anni a svolgere un ruolo fondamentale nella società e nella vita dei più giovani, in termini di attività di volontariato, tutoraggio, assistenza e anche contributi finanziari (74%) per i più giovani. Dal canto loro, oltre l’80% dei maggiorenni under 40 apprezzano molto il sostegno che ricevono dagli anziani nella vita quotidiana. Sono i dati del rapporto ‘Unifying Generations: Costruire un percorso di solidarietà intergenerazionale in Italia’ promosso da Edwards Lifesciences. Basato su un’indagine condotta su 2.338 italiani – spiega una nota – la survey sottolinea la necessità di cambiare la percezione delle generazioni più anziane e di riconoscere il loro valore. 

“Entro il 2050 – afferma Eleonora Selvi, Presidente Fondazione Longevitas – una persona su tre in Italia avrà più di 65 anni. Questo cambiamento demografico viene spesso inquadrato nei dibattiti come una sfida, facendo pensare che gli anziani siano un peso per la società. In realtà – come sottolinea il rapporto Unifying Generations – gli over 65 contribuiscono positivamente alla società. Non sono solo la popolazione più anziana, ma anche méntori, caregiver e sostenitori finanziari e, di conseguenza, sono molto apprezzati dai più giovani”. In contrasto con la percezione esistente – dettaglia una nota – i risultati dell’indagine hanno evidenziato il significativo contributo sociale degli anziani. Il 24%fornisce assistenza ai familiari, come ad esempio fare la spesa e guidare, il 37% svolge una qualche forma di volontariato, per un totale di circa 5 milioni di persone. Inoltre, il 74% degli over 65 fornisce sostegno finanziario ai giovani del proprio nucleo famigliare, aiutandoli così per istruzione (34%), vacanze e tempo libero (33%). I giovani apprezzano il ruolo della generazione anziana nella loro vita, infatti, l’85% delle persone tra 18 e 40 anni dichiara che il sostegno degli anziani è molto o abbastanza importante. 

“Vivendo più a lungo e in maniera più sana – sottolinea Luigi Mazzei, direttore generale di Edwards Lifesciences Italia – è importante trasformare la percezione della generazione più anziana. Il rapporto Unifying Generations fa luce sul prezioso contributo sociale ed economico della popolazione anziana e dimostra l’importanza di proteggerne la salute e il benessere”. 

Il rapporto evidenzia anche i molti vantaggi delle interazioni intergenerazionali. Secondo i più giovani, le competenze più preziose che gli anziani offrono sono: l’ascolto e il consiglio (58%), la condivisione di conoscenze storiche o culturali (47%) e l’amicizia/compagnia (45%). Inoltre, quasi un giovane intervistato su 4 ritiene che i programmi di tutoraggio o di formazione promossi dal sistema pubblico nazionale o locale li aiuterebbero a interagire di più con le persone anziane. Gli anziani , inoltre, riconoscono la necessità di migliorare le proprie competenze digitali: il 36% afferma che vorrebbe imparare l’utilizzo della tecnologia e dei media digitali dai più giovani. 

Uno dei temi più positivi emersi dal rapporto è la volontà di migliorare le relazioni intergenerazionali. Oltre il 62% degli intervistati di tutte le fasce d’età ha dichiarato di avere un amico di una generazione diversa dalla propria e il 32% ha affermato che sarebbe aperto a diventare amico di persone di una generazione diversa. Si tratta del dato più elevato tra i sei Paesi presi in esame nel 2022 (Francia, Germania, Irlanda, Spagna e Regno Unito oltre all’Italia). “Il legame tra le generazioni, quindi la trasmissione delle conoscenze – sottolinea Selvi – è fondamentale, non solo per i singoli individui, ma prezioso per la coesione di una società. E, cosa altrettanto importante – aggiunge – questo scambio oggi assente a livello di comunità, rappresenta il modo migliore per comprendere l’altro e permette ai giovani di accettare le età più avanzate come parte dell’esistenza ricca di valore, superando così quel disprezzo e quella paura con cui spesso si guarda al processo di invecchiamento”. 

L’indagine mostra, inoltre, l’impatto del Covid-19 sui rapporti intergenerazionali. La metà degli intervistati ritiene che, dopo la pandemia, ci sia più distanza tra giovani e gli anziani siano e il 46% ammette di trascorrere meno tempo con l’altra generazione. Infine, il rapporto formula tre raccomandazioni per garantire che l’Italia continui a muoversi verso una società più unita: campagne per migliorare la percezione del valore delle persone anziane e delle loro interazioni con le generazioni più giovani; maggiori opportunità di mentoring e di condivisione delle conoscenze da parte degli anziani nei confronti dei giovani e  programmi che aiutino le persone anziane a interagire maggiormente col mondo digitale.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Salutequità “Sulla prevenzione sanitaria serve un cambio di passo”

Articolo successivo

Casa, Spronelli (SoloAffitti): “Scenari affitti cambiati dal 1998, serve nuova legge”

0  0,00