App al posto delle favole e ninna nanna affidata all’assistente vocale: ecco i genitori 2.0

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Un genitore su tre ha sostituito le favole della buonanotte con un’applicazione dello smartphone, uno su due usa il cellulare mentre allatta o dà la pappa al bimbo e 2 su 10 non gli cantano più la ninna nanna, affidando il compito a un assistente vocale. Sono alcuni dei dati emersi dalla ricerca presentata oggi a Roma dall’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche e Cyberbullismo (Di.Te). che svela come “lo smartphone è diventato un componente sempre più invasivo nella relazione tra genitori e figli, a partire dalla più tenera età”.  

Nella fascia di età tra 0-4 anni il 64% dei genitori intrattiene i figli con dispositivi digitali durante il giorno. Inoltre, nella stessa fascia d’età, il 41% dei genitori riferisce di calmare il bambino con lo smartphone quando piange o è arrabbiato. “Quando un bambino piange o si arrabbia e gli viene dato uno schermo come soluzione, non gli stiamo insegnando a gestire la frustrazione”, afferma Giuseppe Lavenia, presidente dell’Associazione Di.Te. “Questi sono momenti fondamentali nella formazione emotiva”.  

“Sostituire momenti preziosi come la lettura delle favole o il canto delle ninna nanna con dispositivi elettronici – avverte – è una perdita inestimabile nel rapporto genitore-figlio. La relazione madre-figlio, già nei primi momenti dell’allattamento, ha un valore fondamentale nello sviluppo psico-emotivo del bambino”. 

Tra i bambini di età compresa tra 4-9 anni, l’91% dei genitori utilizza dispositivi per intrattenere i figli durante il giorno, con il 46% che utilizza questi dispositivi durante i pasti e il 39% prima dell’ora di dormire. Mentre, il 97% dei ragazzi tra 9-14 anni ammette di utilizzare i device durante la giornata, di questi, oltre il 70% prima di addormentarsi e un preoccupante 57% preferisce rimanere connessa online piuttosto che uscire all’aria aperta. 

Lavenia avverte delle pericolose conseguenze fisiche e psicologiche: “Esponendo i bambini così presto ai device digitali, mettiamo a rischio il loro equilibrio psico-fisico. Dal punto di vista fisico, si rischiano problemi di postura, disturbi visivi e del sonno. La luce blu dei dispositivi può anche influenzare negativamente i ritmi circadiani. Il messaggio è chiaro e urgente: è il momento di riflettere sul nostro rapporto con la tecnologia e considerare seriamente le sue implicazioni per la prossima generazione. La priorità dovrebbe essere instaurare connessioni umane profonde, dando ai nostri figli l’attenzione che meritano”. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Diritti tv serie A a Dazn e Sky, il mercato vince o perde?

Articolo successivo

Orsini e la solidarietà a Giambruno: “Un milione contro uno non va mai bene”

0  0,00