Israele, Meloni a Bruxelles: “Ue rivesta ruolo primo piano per accesso umanitario a Gaza”

5 minuti di lettura

(Adnkronos) – “L’Italia ritiene importante che l’Ue assuma un ruolo di primo piano nel garantire l’accesso umanitario” nella Striscia di Gaza, “obiettivo indispensabile per evitare ulteriori sofferenze alla popolazione civile”. Sarà questo uno dei punti fermi che la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, porterà oggi al Consiglio europeo al via Bruxelles, un summit che, naturalmente, avrà tra i temi principali in agenda proprio al crisi in Medio Oriente, dopo le spaccature registrate tra i vertici della Ue. 

I Capi di Stato e di governo dell’Unione Europea hanno già espresso la propria posizione sulla drammatica situazione mediorientale, dopo gli attacchi terroristici di Hamas dello scorso 7 ottobre, con la dichiarazione adottata appena una settimana dopo, il 15 ottobre, nella quale hanno condannato con la massima fermezza gli attacchi terroristici perpetrati da Hamas, hanno esortato a liberare gli ostaggi, hanno sottolineato il diritto di Israele di difendersi nel rispetto del diritto internazionale e l’importanza di garantire, in ogni momento, la protezione di tutti i civili in linea con il diritto internazionale umanitario. 

Per questo, l’Italia ritiene importante che l’Ue giochi una partita decisiva nel garantire l’accesso umanitario nella Striscia, dove vivono 2 milioni di civili. Ovviamente va allo stesso tempo assicurato che tale assistenza umanitaria non sia sfruttata dalle organizzazioni terroristiche per alimentare le proprie attività. Posizione già ribadita la scorsa settimana al Vertice per la pace del Cairo da Meloni, unico capo di governo del G7 presente, a conferma del ruolo di dialogo che l’Italia svolge storicamente tra Europa, Mediterraneo e Medio Oriente. 

Il governo italiano, inoltre, confermerà in sede europea la necessità di continuare a sostenere con convinzione il popolo ucraino, impegnato nella difesa della propria libertà e dell’indipendenza della propria Nazione. Non è questo, per la premier, il momento di diminuire il nostro impegno ma di rafforzarlo il più possibile in vista dell’imminente inverno.  

L’Italia, insieme ai suoi partner europei ed internazionali, “continua a lavorare per costruire un ampio sostegno per una pace giusta e duratura e per i principi e gli obiettivi della Formula di Pace proposta da parte ucraina con l’obiettivo di arrivare ad un Vertice Globale sulla Pace. Il nostro impegno si estende anche alla definizione delle future garanzie di sicurezza per cui l’Alto Rappresentante dovrebbe presentare una proposta in vista del Consiglio Europeo di dicembre che sarà anche chiamato ad esprimersi sull’apertura dei negoziati di adesione sulla base del rapporto allargamento che la Commissione pubblicherà tra fine ottobre e inizio novembre”, spiegano fonti del governo italiano. 

Dal punto di vista finanziario, i fondi necessari a tale sostegno dovranno essere assicurati nell’ambito della revisione del bilancio pluriennale 2021-2027, sulla quale ci si attende un’intesa entro la fine dell’anno, in una logica che, per Meloni, deve essere ‘di pacchetto’, prevedendo anche nuove risorse per: lo sviluppo dei partenariati con i Paesi del Vicinato Sud e dell’Africa, in particolare con quelli di origine e transito dei migranti, e l’efficace attuazione del nuovo Patto Asilo e Migrazione, con particolare riferimento all’esigenze dei Paesi di primo arrivo dei migranti; promuovere l’autonomia strategica dell’Ue e la doppia transizione, assicurando finanziamenti agli investimenti Ue in settori altamente tecnologici, sia attraverso una più flessibile mobilitazione dei fondi già disponibili sia mediante risorse aggiuntive, nella prospettiva di un Fondo sovrano europeo- in questa direzione va la nuova piattaforma Step, che incentiva i progetti nei settori critici (deep-tech, clean-tech e bio-tech) e contribuisce a ripristinare parità di condizioni nel mercato unico a fronte della decisione di allentare le norme sugli aiuti di Stato, una scelta che mette inevitabilmente in una condizione di vantaggio gli Stati membri che dispongono di una più ampia capacità fiscale. 

In questa prima discussione a livello di Capi di Stato e di governo, l’obiettivo del presidente Michel è che i leader si esprimano sulle proprie priorità di finanziamento ed indichino le relative fonti di finanziamento. Non è prevista una discussione in dettaglio né il raggiungimento di un’intesa. Il negoziato proseguirà nelle prossime settimane a livello consiliare per tornare all’attenzione dei leader al Consiglio Europeo di dicembre. 

In tema migratorio, l’Italia ha accolto con “viva soddisfazione” la lettera della presidente Von der Leyen sull’attuazione dell’approccio multidimensionale al tema migratorio concordato al Consiglio Europeo straordinario di febbraio che fornisce ai leader indicazioni sui filoni di lavoro su cui concentrarsi nel contrasto all’immigrazione illegale, anche sulla base di quanto emerso negli incontri avuti da Meloni a margine del vertice MED9 di Malta e del vertice della Comunità Europea di Granada.  

La lettera, per l’Italia, “testimonia il forte impegno dell’esecutivo Ue nell’attuazione pratica di quanto deciso secondo un approccio di chiara ispirazione italiana nell’identificazione delle priorità sia con riferimento allo sviluppo economico dei Paesi di origine e transito (forte accento è posto sul modello dei partenariati globali e sul concetto di “partnership” con l’Africa) sia al contrasto alla migrazione illegale (rimpatri, controllo dei confini, incluso rafforzamento operazione IRINI e lotta ai trafficanti di esseri umani). È l’approccio che ha ispirato il memorandum Ue-Tunisia e che ha portato la Commissione europea a presentare il piano di azione in dieci punti illustrato dalla Presidente Ursula Von der Leyen a Lampedusa”. 

A proposito della questione dell’immigrazione illegale, l’Italia evidenzierà anche i rischi per la sicurezza che questo fenomeno può portare con sé, ancora di più nell’attuale scenario, “come dimostra – per Meloni – il ricomparire dei “lupi solitari”” pronti a colpire, un pericolo sollevato dalla premier anche nell’intervento di ieri alle Camere. 

La stessa presidente Von der Leyen ha annunciato, tra l’altro, un provvedimento imminente per rafforzare il quadro giuridico e le politiche europee di contrasto al traffico di esseri umani. L’Italia sosterrà quindi, come sopra anticipato, la necessità di integrare il Quadro finanziario pluriennale 2021-2027 con adeguati stanziamenti aggiuntivi per le politiche migratorie, sia quelle di contrasto ai flussi irregolari, sia quelle di cooperazione con i Paesi di origine e di transito dei flussi, con l’obiettivo di dare corpo allo spirito della conferenza di Roma e di rafforzare la proposta italiana di un Piano Mattei per l’Africa. 

Allo stesso tempo, l’Italia ritiene che la doppia transizione, verde e digitale, debba essere impostata su valutazioni d’impatto ampie e affidabili, su criteri di gradualità e di sostenibilità economica e sociale, sul principio di neutralità tecnologica e su strumenti finanziari di incentivazione e di accompagnamento per le imprese e per i cittadini. In questo quadro si inserisce il dibattito sulla revisione delle regole fiscali europee, un tema non formalmente in agenda in questo Consiglio, perché ancora in discussione al livello dei Ministri dell’economia ma sui cui resta necessario adottare la revisione entro la fine dell’anno.  

L’Unione europea ha individuato nella doppia transizione i pilastri della sua futura crescita e ha richiesto agli Stati membri ulteriori significativi sforzi di finanziamento di queste priorità. Analogamente, l’UE chiede di continuare ad investire sulla difesa e sugli strumenti di sostegno all’Ucraina. Computare, nei parametri deficit-Pil, gli investimenti che vengono promossi anche da Bruxelles, sembra un controsenso che rischia di minare proprio gli obiettivi di sostenibilità e di sicurezza. Per questo, il governo continua a sostenere la necessità di scorporare, in tutto o in parte, queste voci. 

L’agenda dei lavori prevede oggi che la discussione dei leader verta sull’Ucraina, sul Bilancio 2021-2027, sul Medio Oriente, e, più in generale, sulla politica estera. Domani, quando il Consiglio riprenderà a partire dalle ore 9, si discuterà di immigrazione, economia ed Eurosummit. Tuttavia, l’ordine di discussione dei temi in agenda può variare in base alle decisioni dei Capi di Stato e di governo. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Palermo, concluso primo corso della ‘Sicily Port Academy’

Articolo successivo

Mobilità elettrica, in Italia boom di colonnine di ricarica

0  0,00