Iran, all’ambasciata a Roma veglia per Armita

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Una veglia per Armita Garavand, la ragazza iraniana di 16 anni morta dopo essere finita in coma perché picchiata in seguito a un diverbio perché non indossava il velo, è stata organizzata davanti all’ambasciata iraniana per chiedere un cambio di regime in Iran. A promuoverla ‘Nessuno tocchi Caino’. Sono intervenuti rappresentanti della resistenza iraniana, fra cui la giovane Ghazal Afshar, Elisabetta Zamparutti, Rita Bernardini, Giulio Terzi di Sant’Agata, Gennaro Migliore, Renata Polverini, Sergio D’Elia, Ester Mieli, Riccardo Pacifici. Slogan della manifestazione ‘Armita, figlia sorella nostra’. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

La nuova proposta del marchio CHiQ è destinata a fondere innovazione e stile

Articolo successivo

Tennis: Torneo Parigi-Bercy. Musetti subito fuori

0  0,00