Expo2025, il padiglione italiano a Osaka ispirato alla città ideale

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Si è svolta oggi a Osaka la cerimonia ufficiale di presentazione del padiglione italiano a Expo 2025, alla presenza del governatore di Osaka Yoshimura, del sindaco Yokoyama e del segretario generale Expo Ichige. Presente anche per l’occasione il cardinale giapponese Maeda, vista la presenza della Santa Sede – per la prima volta – nel padiglione italiano.  

Il commissario generale Mario Vattani ha illustrato a una sala gremita di giornalisti e rappresentanti delle principali aziende del Kansai, il concept del padiglione, fondato sul saper fare italiano. Dal canto suo l’architetto Mario Cucinella ha percorso le fasi creative che hanno portato a un padiglione di forte impatto, ispirato all’idea rinascimentale della città ideale, rilanciata nel futuro con spirito innovativo. Fortissime le aspettative giapponesi sul padiglione italiano, uno dei pochi che può già contare sulla partnership con un’impresa di costruzioni nipponica. Il commissario Vattani ha sottolineato alla stampa giapponese che da pochi giorni è stata lanciata una call per sponsorizzazioni, e chem vista la stretta collaborazione e la storica amicizia tra Italia e Giappone, il nostro padiglione è pronto a raccogliere sponsorizzazioni anche da parte di aziende giapponesi. 

“L’esposizione permanente del nostro padiglione – ha spiegato Vattani ,- sarà distribuita in tre parti: aerospazio, settore in cui la collaborazione Italia Giappone è già avanzata, poi le infrastrutture e le città, la mobilità, l’urbanistica. Terza parte avrà come focus la persona, con i migliori esempi del nostro sviluppo tecnologico nel settore delle scienze della vita, della domotica, della robotica”. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Reuters Events announces winners of the 14th Responsible Business Awards 2023 in London

Articolo successivo

Export, Federmanager: “La chiave sono le competenze e la reputazione”

0  0,00