Stadi green, è italiana l’azienda che li costruisce in tutto il mondo

3 minuti di lettura

(Adnkronos) – Dal Canada all’Australia, passando dall’Italia, è Rubner a firmare i primi stadi in legno lamellare in linea con gli obiettivi di riduzione delle emissioni indicati dalle Nazioni Unite e dalla UE. 

Milano, 17 novembre 2023. Gli stadi di calcio nel mondo sono attualmente 2.127; un numero destinato a crescere nel breve periodo: a livello globale, infatti, sono 248 gli impianti in fase di costruzione e ben 990 i progetti per futuri stadi [1]. Intanto, l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, il Green Deal promosso dalla UE e le ulteriori iniziative delle Nazioni Unite – come il Climate Neutral Now e la Convenzione UNFCCC Sports for Climate Action Framework – pongono le società sportive davanti a determinati obiettivi di riduzione delle emissioni non più rimandabili. Obiettivi che la UEFA ha fatto propri nella sua Football Sustainability Strategy 2030 e su cui si basa anche la Carta sulla sostenibilità ambientale del calcio della FIGC, secondo cui stadi e centri sportivi dovranno essere progettati nel pieno rispetto dell’ambiente e realizzati mediante l’utilizzo di materiali sostenibili, efficienti dal punto di vista energetico e delle risorse naturali, nonché intelligentemente integrati nel contesto urbano e cittadino.  

Il legno oggi rappresenta il materiale ideale per rispondere a queste nuove sfide. Naturale e riciclabile, è l’unico materiale che mantiene un bilancio di CO2 equilibrato assorbendo la CO2 presente nell’aria e restituendola all’ambiente solo dopo la combustione o il macero. Ecco perché costruire in legno può ridurre della metà le emissioni di CO2 degli edifici.  

“Sul piano della sostenibilità, il legno è l’unico materiale che consente un’economia circolare che non produce rifiuti e protegge attivamente il clima” – spiega Peter Rosatti, CEO di Rubner Bressanone. “Inoltre, è l’unico materiale da costruzione in grado di immagazzinare il carbonio che l’albero di provenienza ha sottratto all’atmosfera durante il suo corso di vita, in media 1 tonnellata di CO2 per ogni m³.” 

L’attuale evoluzione della tecnologia e delle tecniche di costruzione consente performance del legno mai viste prima, oltre che un design all’avanguardia. Ne è un esempio il Westhills Stadium di Langford, in Canada, il primo stadio al mondo costruito interamente in legno lamellare. Modulare e a basso impatto ambientale, confortevole e totalmente green, il Westhills Stadium è stato realizzato in soli cinque mesi da Rubner, società del Gruppo Rubner specializzata in grandi strutture in legno ingegnerizzato, in collaborazione con Bear Stadiums, società di advisor e design. Lo stadio – teatro delle partite casalinghe del Pacific FC e di alcuni incontri di rugby organizzati dalla federazione del Canada – ospita 5.500 spettatori distribuiti nella Main Stand, dotata di 18 skybox, chioschi e servizi, e nella West Stand. Il lato nord ospita invece un Beer Garden all’aperto per tifosi e famiglie.  

Il Westhills Stadium non è l’unico stadio che vede il legno di Rubner protagonista. Ne esistono altri, come l’Eric Tweedale Stadium, in Australia, sede del Two Blues Rugby Union Club. Costruito per la maggior parte in legno lamellare, l’impianto, oltre alla tribuna da 750 posti, è dotato di sale polivalenti, un parcheggio, un campo da rugby e un chiosco. Il viaggio della struttura in legno lamellare è iniziato via gomma da Bressanone, mentre la parte prefabbricata ha attraversato mari e oceani su otto container spediti via nave in Australia. Un lungo percorso necessario per portare a Sydney non solo la materia prima, ma anche una progettazione altamente ingegnerizzata e specializzata soprattutto per il tetto che copre la grande tribuna e che è stato ideato per assorbire vibrazioni e rispondere alla perfezione anche in caso di forti venti. Secondo uno studio realizzato da Rubner, Eric Tweedale Stadium fornisce un contributo attivo alla protezione del clima di circa 130 t di CO2, che equivalgono – per dare un’idea – alla combustione di 268 barili di petrolio. Inoltre, nella foresta da cui proviene il legname ogni anno crescono circa 30 milioni di metri cubi di legno. Questo significa che i 202 metri cubi utilizzati per la struttura dello stadio sono ricresciuti in circa 8 minuti. 

Nel nostro Paese, il prossimo progetto Rubner è il nuovo palazzetto dello sport di Tortona, in provincia di Alessandria, casa del Derthona Basket, squadra che milita in Seria A nel campionato italiano LBA. La struttura, attualmente in fase di costruzione, potrà ospitare fino a 5mila spettatori insieme a campi sportivi polifunzionali e aree per attività ricreative. Le richieste prestazionali del centro e i ridotti tempi di realizzazione hanno portato i progettisti a scegliere Rubner per realizzare la copertura in legno lamellare del palazzetto, materiale che garantirà un valore aggiunto sostanziale anche in termini di efficienza energetica dell’impianto. Grazie alle sue caratteristiche di trasmittanza termica il legno ha una capacità di isolamento e limitata dispersione di calore per cui gli edifici in legno sono freschi d’estate e caldi d’inverno, consentendo un notevole risparmio energetico. 

“Oggi, costruire in legno conviene – continua Rosatti – le tecniche costruttive sono all’avanguardia, il cantiere è pulito e veloce, il design è alla stregua dell’edilizia tradizionale, mentre i costi di gestione e manutenzione, a partire dal risparmio energetico, sono più contenuti.” 

E-mail: holzbau.brixen@rubner.com
 

sito internet: https://www.rubner.com/it/costruzioni-legno/
 

 

[1] Fonte: http//stadiumdb.com/stadiums

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Offerte per il Black Friday 2023 sugli SSD di SK hynix: sconti fino al 30%!

Articolo successivo

Italpress €conomy – Puntata del 17 novembre 2023

0  0,00