/

Tommaso Tittoni, uno statista da ricordare

2 minuti di lettura
Da sinistra Luigi Catemario Tittoni e lo scrittore Giovanni Tassani

È  stato presentato, presso la biblioteca del Senato italiano un libro storico-biografico su Tommaso Tittoni. L’ autore è Giovanni Tassani , scrittore e ricercatore, il titolo del libro è “Tommaso Tittoni” ed è edito dalla casa editrice di Storia e Letteratura.

Un personaggio importante della nostra storia recente che è vissuto a cavallo tra due secoli e soprattutto in quel momento confuso e di difficile assestamento che seguì l’unificazione del paese. Ma è stato un susseguirsi di periodi confusi e difficili… se pensiamo che dopo un momento di calma e relativo benessere di tutti che verrà chiamato “belle époque”… appunto… ci sarà il terribile momento che precederà lo scoppio della prima guerra mondiale e il successivo periodo fascista.

Una continua fase di turbolenza politica e di assestamento sociale, in un paese pieno di poteri contrastanti e contrapposti. Lui da protagonista politico attraversò tutto questo tempo e avendo lavorato bene per il paese, gli fu dedicato un Busto nel palazzo del senato e uno nella piazza principale di Manziana, piccolo paese dove amava risiedere. Lui fu impegnato in tutta la carriera politica che poteva essere percorsa da un individuo, cominciando dalle cariche del comune fino alle più complesse missioni diplomatiche, e forse la più complessa e prestigiosa, quella presso il governo inglese che in quel momento storico era un polo fondamentale della politica internazionale. Fino a diventare capo del governo e in un momento non certo semplice.

Fece un importante riforma della stessa burocrazia per il ministero degli affari esteri, di fatto snellendo e abolendo un livello di impiegati che altro non erano che un peso per l’apparato statale! L’autore, ripercorre la storia e la vita di quest’uomo colto, agiato e anche sofferente, avendo un problema cardiaco che poco si confaceva alle tensioni e alle fini lotte che richiedevano nervi d’acciaio e grande perseveranza come è l’impegno per la “res publica”. Lui seppe districarsi con evidentissima capacità diplomatica  in un periodo storico dove si mischieranno interessi geopolitici unici e terribili, tanto da scatenare una terribile guerra di nazioni. E con la pace che seguirà ricoprirà a coronamento di una carriera veramente unica anche la carica di capo del governo, restando equidistante da pressioni e coinvolgimenti di parte. Insomma, un uomo che vale la pena ricordare sia per la persona che per lo statista ,avendo svolto un ruolo di fine equilibrio in un quadro storico sempre molto delicato e pericoloso per il paese.

Il pronipote Luigi, così fedele custode dei ricordi e della storia della sua famiglia e di questo suo antenato così illustre, si è fatto promotore di una ricerca attenta e meticolosa negli archivi in suo possesso e grazie al lavoro di Giovanni Tassani è stato possibile realizzare un libro colto e affascinante utile per comprendere di più e meglio l’uomo, lo statista e il lungo e complesso periodo storico in cui visse.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Calcio: Napoli. Lesione di basso grado al muscolo tibiale per Lindstrom

Articolo successivo

Assicurazioni, un mondo in continua trasformazione

0  0,00