Roma, musicista pestato a morte a Monti: confermate tre condanne in Appello

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – La Corte di Assise di Appello di Roma ha confermato le condanne a 14 anni per tre dei quattro imputati nel processo per il pestaggio avvenuto il 26 giugno del 2011 al rione Monti, a Roma, contro il musicista Alberto Bonanni, morto nel 2014 dopo 3 anni di coma. Si tratta di Carmine D’Alise, Christian Perozzi e Gaetano Brian Bottigliero. I giudici hanno riconosciuto invece le attenuanti per Massimiliano Di Perna, la cui condanna è stata ridotta a 11 anni e 4 mesi. Tutti e quattro, accusati di omicidio volontario, erano stati condannati a 14 anni in primo grado. Gli imputati erano stati già condannati in via definitiva per tentato omicidio, ma dopo la morte di Bonanni la Procura di Roma aveva riqualificato il fatto, contestando l’accusa di omicidio volontario. I fatti erano avvenuti nella notte del 26 giugno del 2011, mentre Bonanni si trovava nella movida del quartiere Monti con alcuni suoi amici quando venne violentemente aggredito e pestato a calci e pugni, finendo in coma. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sticchi (San Martino): “Vaccino anti-Zoster sicuro ed efficace anche per fragili”

Articolo successivo

Spazio, Gen. Goretti: “La Difesa può mettersi in gioco, usate le nostre competenze”

0  0,00