/

IO SONO VULNERABILE, dunque vivo. Arte è amare la realtà!

2 minuti di lettura

Una pratica performativa transdisciplinare all’ex Carcere Pontificio di Velletri per esplorare la realtà e la vulnerabilità umana

Nel suggestivo contesto dell’ex Carcere Pontificio di Velletri, un gruppo di artisti e professionisti delle arti visive, del cinema, della fotografia, della danza e della musica, insieme a insegnanti, tecnici e studenti dell’Accademia di Belle Arti e dei licei romani si è unito per creare “IO SONO VULNERABILE, dunque vivo. Arte è amare la realtà!”, un progetto transdisciplinare, a cura di Sergio Mario Illuminato, che abbraccia diversi linguaggi artistici approfondendo il tema della vulnerabilità umana.  Il progetto è realizzato nell’ambito dell’Accademia di Belle Arti di Roma, con il patrocinio di Regione Lazio, di Città Metropolitana di Roma Capitale e del Comune di Velletri, produzione esecutiva di Movimento Vulnerarte APS, con la collaborazione di Compagnia Atacama e Festival Internazionale Danza Contemporanea Paesaggi del Corpo

IO SONO VULNERABILEha trasformato un luogo dimenticato da oltre trent’anni in un vibrante spazio dedicato all’arte e al dialogo, aprendo nuove possibilità di riflessione per le generazioni future. Al centro del progetto c’è la vulnerabilità umana, un tema sempre più attuale in un mondo che spesso sembra muoversi a una velocità frenetica. In un’epoca in cui l’individualismo e la competizione dominano, spesso dimentichiamo che, al di là delle facciate che mostriamo al mondo, siamo tutti vulnerabili in modi unici e profondi. Esplorare questa vulnerabilità può essere un viaggio difficile ma profondamente illuminante. Ed è così che nasce “IO SONO VULNERABILE”, un’azione artistica che sfida la corrente dominante, esaltando le proprie risorse estetiche ed etiche e mettendo in evidenza un sistema sociale che banalizza il corpo e la sua fragilità, relegandoli a una mera finzione consumistica, nostalgica e funzionale a una cultura di mercato. Il progetto di ricerca si concentra sul corpo e sulla vulnerabilità ricollocandoli attivamente nella dinamica “rovinante” per ampliare l’orizzonte di attenzione dello spettatore.

 

Credits foto: Rosa Maria Zito
Credits foto: Rosa Maria Zito

Ciò che rende questo progetto unico nel suo genere è la scelta di decontestualizzare l’arte dai luoghi consueti e “anonimi”, come le classiche sale bianche di una galleria. L’ex Carcere Pontificio di Velletri è stato appositamente selezionato per adottare una prospettiva diversa sull’arte, in cui l’attenzione è posta non solo sull’estetica, ma anche sull’etica e sulle implicazioni politiche. Questo spazio mette in discussione il fruitore, suscitando un impatto emotivo.

L’allestimento della mostra, infatti, non è concepito come protagonista separato, ma come parte integrante di tutta l’operazione. Le pareti di pietra logorate e le sbarre che testimoniano il passato carcerario diventano una parte essenziale della narrazione artistica, evidenziando un confronto tra il presente e il passato, tra il tempo e la trasformazione dei materiali. Gli spazi dell’ex carcere testimoniano un passato di confinamento e isolamento. Oggi questi stessi luoghi servono come tela per esplorare il tema universale e intimo della vulnerabilità umana.

L’allestimento diventa quindi parte attiva della narrazione, evidenziando la connessione tra la vulnerabilità umana e la fragilità dei materiali esposti. In questo contesto tra le opere presenti, gli “Organismi Artistici Comunicanti (OAC)” di Sergio Mario Illuminato assumono un ruolo significativo. Queste opere installative sono rimaste esposte per mesi nell’ex Carcere, subendo gli effetti del tempo, dell’umidità e del degrado ambientale. Composte da pigmenti organici, le opere si consumano nel tempo fino a scomparire definitivamente, trasmettendo l’effimerità della materia e della vita stessa.

Credits foto: Rosa Maria Zito
Credits foto: Rosa Maria Zito

Il progetto trae ispirazione dal libro di Sergio Mario Illuminato, “Corpus et Vulnus: omaggio ai maestri Tàpies, Kiefer, Parmiggiani” (Edizione IP, 2023), che ha fornito la base concettuale per la residenza artistica di sei mesi all’interno dell’ex Carcere Pontificio di Velletri. Gli artisti coinvolti hanno lavorato intensamente per trasformare il luogo in uno “spazio intellettuale“, esplorando la fragilità attraverso numerose opere espressive come il cortometraggio “Vulnerare e la pratica performativa “iosonovulnerabile”. “IO SONO VULNERABILEproseguirà fino al 30 gennaio 2024, rappresentando l’ultima documentazione utile prima della ristrutturazione architettonica e del cambiamento di destinazione della struttura, prevista nei mesi successivi.

Credits foto: Rosa Maria Zito

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bonus trasporti, nuovo click day oggi 1 dicembre 2023: requisiti, come funziona

Articolo successivo

Casio to Release MR-G with Iconic Form and Comfortable Dura Soft Band

0  0,00