Erutta il vulcano Marapi, 11 escursionisti morti in Indonesia

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Almeno 11 escursionisti sono morti in Indonesia a causa dell’eruzione del vulcano Marapi, uno dei più attivi del mondo nella zona occidentale di Sumatra, mentre altri 12 risultano dispersi. Lo hanno riferito oggi i media locali, aggiungendo che le ricerche, andate avanti tutta la notte, sono state sospese questa mattina a causa di un’altra eruzione più piccola. 

L’eruzione è iniziata domenica alle 14:54 ora locale, quando il vulcano ha emesso nell’aria una nuvola di cenere alta 3 km, oscurando il cielo e ricoprendo di cenere i villaggi circostanti. Sulla montagna c’erano 75 escursionisti, 49 di loro sono stati evacuati in sicurezza e portati in ospedale. “Delle 26 persone che non sono state evacuate, ne abbiamo trovate 14: tre vive e 11 morte”, ha detto il capo dell’Agenzia di ricerca e salvataggio di Padang Abdul Malik. Dodici sono le persone ancora disperse. 

Il monte Marapi, alto 2.891 metri, è uno dei 127 vulcani indonesiani più attivi ed è anche popolare tra gli escursionisti. Alcuni sentieri sono stati riaperti solo lo scorso giugno ms le autorità vietano da tempo a residenti e turisti di fare escursioni nel raggio di tre chilometri dal suo cratere. L’eruzione più mortale del Marapi avvenne nel 1979, quando morirono 60 persone. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Fascicolo sanitario elettronico: i dati Agid confermano la necessità di dematerializzare tutte le cartelle cliniche cartacee e il 100% di interoperabilità a livello nazionale

Articolo successivo

Calcio: Premier. Sheffield United, Heckingbottom verso l’esonero

0  0,00