IQOS Iluma, lamina tagliente negli stick Terea: i bambini potrebbero ingerirla con rischi molto gravi

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – 4 dicembre 2023. In pochi lo sanno, ma all’interno degli stick del dispositivo IQOS Iluma per riscaldare il tabacco – Terea, di Philip Morris – c’è una lamina metallica tagliente. Questa lamina è indicata in etichetta solo con una minuscola frase di avvertimento, praticamente illeggibile. 

Il problema non è di poco conto, come Altroconsumo spiega nell’approfondimento (corredato dalle immagini dell’elemento metallico e dell’etichetta): c’è infatti il pericolo concreto che questi stick, proprio per le loro piccole dimensioni, vengano accidentalmente ingerite da bambini, anche di pochi mesi, con rischi molto gravi, già documentati all’estero, di lesioni gastro-intestinali (oltre che di intossicazione da tabacco), poiché la lamina che contengono è lunga 1,2 centimetri, larga 4 millimetri e dello spessore di 0,06 millimetri e ha spigoli vivi e taglienti. Concreto è anche il rischio che gli stick o i mozziconi, abbandonati per strada, possano essere ingeriti da cani e altri animali domestici.
 

Altroconsumo ha verificato che sul sito di Philip Morris i dettagli sulla lamina ci sono, è anche riportato “Non ingerire o smontare TEREA SMARTCORE STICKS™. Questo prodotto contiene una parte metallica tagliente che può causare gravi lesioni se ingerita. Tenere fuori dalla portata di bambini e animali domestici.”, ma non si può certo pensare che queste informazioni sul web bastino per rendere gli utilizzatori consapevoli dei rischi di questo prodotto.
 

Secondo Altroconsumo è fondamentale che tutti – adulti, medici, Pronto Soccorso e ospedali – siano informati in modo più chiaro e preciso della presenza di questa lametta all’interno degli stick TEREA: innanzitutto affinché gli adulti siano molto attenti – come per tutti i prodotti del tabacco – nel non lasciare questi stick a portata di mano dei più piccoli. E poi perché, sapendolo, gli operatori sanitari possono agire nel modo più tempestivo e corretto possibile, senza pensare alla sola intossicazione da nicotina. E questa informazione deve avvenire innanzitutto a partire dall’etichetta del prodotto, che è la prima cosa che può essere vista dagli utilizzatori. 

Per tutti questi rischi, Philip Morris dovrebbe intervenire per rendere questa avvertenza il più possibile visibile sul pacchetto, che potrebbe anche essere progettato con un’apertura a prova di bambino.  

In attesa di interventi necessari e urgenti per proteggere la salute dei più piccoli e non solo, in sintesi i consigli di Altroconsumo da seguire per chi utilizza gli stick Terea. 

•Tenerli lontani dalla portata dei bambini e di animali domestici: l’assunzione accidentale può causare lesioni interne oltre a soffocamento e intossicazione da nicotina  

•In caso di ingestione dei bastoncini di tabacco Terea, rivolgersi immediatamente a un medico e informarlo della presenza della lamina 

•Non manipolare gli stick aprendoli, perché potrebbero causare lesioni alle mani 

•Vanno smaltiti nell’indifferenziata, mai gettati per strada, come nessun tipo di mozzicone.  

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

‘Olimpiadi del ringiovanimento’, anche un italiano nella gara dei Benjamin Button

Articolo successivo

Tg News – 4/12/2023

0  0,00