Ucraina-Russia, Zelensky a Washington: pressing sul Congresso per i fondi a Kiev

2 minuti di lettura

(Adnkronos) – Volodymyr Zelensky è arrivato a Washington, invitato da Joe Biden nel mezzo del braccio di ferro tra Casa Bianca e Congresso per l’approvazione dei nuovi fondi dell’Ucraina, che l’amministrazione ritiene essenziale avvenga prima della fine dell’anno quando saranno completamente finiti i soldi a disposizioni per appoggiare la difesa di Kiev.  

Oltre al colloquio alla Casa Bianca, il presidente ucraino avrà gli incontri, forse ancora più importanti, con il leader di maggioranza del Senato, il democratico Schumer, e il leader di minoranza Mitch McConnell, e sarà invitato a parlare ai senatori. La scorsa settimana i repubblicani del Senato hanno bloccato il pacchetto per i nuovi 61 miliardi di dollari per l’Ucraina – inseriti in una richiesta totale di oltre 100 miliardi, in cui vi sono anche oltre 10 miliardi per Israele e altri fondi per il confine – chiedendo che la misura contenga anche dei cambiamenti su immigrazione e asilo.  

Per quanto riguarda la Camera, dove l’opposizione repubblicana ai nuovi fondi per Kiev è ancora più forte che al Senato, lo Speaker Mike Johnson incontrerà Zelensky, come ha confermato il portavoce Raj Shah su X, senza nessun invito, a quanto pare, a parlare con tutti i deputati. Come era successo per la precedente visita lo scorso settembre dopo la partecipazione all’Assemblea Generale dell’Onu, il Congresso non sembra quindi intenzionato a riservare al presidente ucraino l’accoglienza e gli onori concessi in precedenza, con il discorso pronunciato a Camere riunite lo scorso dicembre, con un vasto e bipartisan sostegno alla causa della difesa della libertà ucraina.  

A differenza dello scorso anno, l’amministrazione Biden deve fare i conti con equilibri diversi al Congresso – con i repubblicani che controllano una Camera in cui la componente di estrema destra trumpiana ha dimostrato di avere sempre più potere – e con un crescente scetticismo riguardo alla quantità e all’utilizzo dei miliardi di dollari per aiuti militari ed economici approvati in favore dell’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa nel febbraio 2022.  

A rendere ancora più complicato il quadro il fatto che la situazione militare sul campo appare ormai in un totale stallo, con l’attesa controffensiva ucraina, per la quale gli Usa e gli alleati europei hanno invitato sofisticato materiale bellico per miliardi di dollari, che non ha prodotto i risultati che gli ucraini e gli Usa speravano.  

Nei giorni scorsi, Biden ha rivolto un accorato appello al Congresso, ricordando che un mancato invio di aiuti americani farebbe il gioco di Vladimir Putin che potrebbe anche spingersi a invadere altri Paesi europei. “Non si può aspettare, è già sconvolgente che siamo arrivati a questo punto – ha detto riferendosi al ritardo nell’approvazione dei fondi – i repubblicani al Congresso sono disposti a fare a Putin il più grande regalo che possa sperare, abbandonando la nostra leadership globale non solo per l’Ucraina, ma anche oltre”. 

Parole che mostrano come sia quanto mai concreto il rischio effettivo che l’anno si chiuda quindi senza l’approvazione del pacchetto d’aiuto per Kiev, lasciando Biden, ormai in piena campagna per la rielezione, senza i fondi a disposizione per finanziarie una delle componenti principali della sua politica estera, il sostegno all’Ucraina. 

Non è mistero infatti che Donald Trump in questi due anni è stato ampiamente critico della linea seguita da Biden, non mancando di ribadire il suo rapporto privilegiato con Putin, il fatto che con lui alla Casa Bianca la Russia non avrebbe mai invaso e che lui sarebbe in grado di chiudere il conflitto in pochi giorni. E non è un caso che a Washington sia arrivato anche Viktor Orban, il premier ungherese di estrema destra grande alleato di Trump. 

Per il leader europeo più vicino a Putin, una serie di incontri con esponenti repubblicani nell’ambito di una conferenza di due giorni, organizzata dal think tank conservatore Heritage Foundation, che affronterà, in modo critico, la questione degli aiuti militari Usa all’Ucraina. “Orban confida nel fatto che gli aiuti non passeranno al Congresso ed è per questo che sta cercando di bloccare l’assistenza anche dalla Ue”, spiega al Guardian una fonte diplomatica ungherese.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Olimpiadi 2026, Salvini “Il bob dovrà essere a Cortina”

Articolo successivo

Atreju 2023, ecco gli ospiti: da Spalletti a Briatore, chiusura con Meloni

0  0,00