Napoli, femminicidio Ornella Pinto: confermato ergastolo per l’ex compagno

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
Confermata la condanna all’ergastolo per Pinotto Iacomino, l’uomo che il 13 marzo 2021 uccise la sua ex Ornella Pinto davanti al figlio di 3 anni. La Corte d’Assise d’Appello di Napoli ha confermato la sentenza di primo grado del maggio 2022, stabilendo una provvisionale in favore della sorella Stefania, tutrice del bimbo, e confermando i risarcimenti nei confronti dei familiari – costituiti parte civile – e della Fondazione Polis.  

Il femminicidio della 39enne avvenne in zona San Carlo Arena, centro di Napoli. Lo scorso novembre, la Procura generale di Napoli aveva chiesto la conferma della condanna all’ergastolo anche in Appello per Iacomino, accusato di aver accoltellato a morte la docente, sua ex convivente, al culmine di una lite. Secondo la ricostruzione degli investigatori – indagini condotte dalla polizia – furono almeno 13 le coltellate sferrate da Iacomino con un coltello da cucina recuperato in una struttura ricettiva di famiglia.  

“Dopo questa sentenza, potrò adottare mio nipote”. È scoppiata in lacrime, in aula, Stefania Pinto, la sorella di Ornella. La sorella, in qualità di tutrice del bimbo, ora potrà chiedere l’adozione, poiché per la prima volta in Italia il papà ha perso la potestà genitoriale già in primo grado.  

Assistita dagli avvocati Mino Capasso e Valeria Pessetti, Stefania Pinto si è costituita parte civile al processo nei confronti di Iacomino e sta seguendo tutto l’iter in sede civile anche per l’adozione del bambino, che oggi ha 6 anni e che fu svegliato quella tragica notte dalle urla strazianti di sua madre Ornella, accoltellata a morte dall’assassino. A Stefania è stata riconosciuta una provvisionale in qualità di tutrice del bambino. A processo, accanto alla famiglia Pinto, si è costituita parte civile anche la Fondazione Polis con gli avvocati Celeste Giliberti e Gianmario Siani.  

“Alla fine la vera condanna è per noi e per il bambino che sto crescendo a tutti gli effetti come mio figlio”, aggiunge Stefania Pinto. L’iter dell’adozione potrebbe essere accelerato, caso unico in Italia, visto che Iacomino ha perso la potestà genitoriale già in primo grado.  

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

F1: McLaren. Presentata la MLC38, nuova monoposto del team britannico

Articolo successivo

Autonomia differenziata, per il Sud ora sono guai (in euro)

0  0,00