Israele, Orsini non si arrende: “Intimidirmi non serve, aumenterò denunce su genocidio a Gaza”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “Insistere con la stessa linea delle intimidazioni non fa altro che aumentare le mie denunce contro il genocidio a Gaza per mano d’Israele”. Così su X Alessandro Orsini, direttore dell’Osservatorio sulla sicurezza internazionale diventato popolare per le sue posizioni di rottura sull’Ucraina, oggi invia il suo “messaggio chiaro e tondo alla lobby italiana-israeliana che minaccia di farmi licenziare, mi diffama e mi insulta per intimidirmi”.  

“Io non ho paura. Non c’è assolutamente niente – scrive Orsini – che possa spaventarmi. Infatti non ho mai smesso di dire che Israele è uno Stato terrorista giacché la letteratura scientifica sul terrorismo classifica la sua azione a Gaza esattamente in questo modo. E continuo a dire che l’esercito israeliano è un esercito di criminali di guerra giacché la letteratura scientifica sulla violenza politica lo classifica in questa categoria. Io non capisco come si possa essere così ottusi da non capire che esistono studiosi che sono disposti a fronteggiare qualunque livello di scontro per difendere la propria libertà di esercitare il ragionamento critico in difesa dei diritti umani”. Per concludere poi con un messaggio di “solidarietà con Gaza” ribadendo che “il governo Netanyahu è un governo di criminali di guerra”. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Altre tre medaglie per l’Italnuoto ai Mondiali di Doha

Articolo successivo

Italia Economia n. 7 del 14 febbraio 2024

0  0,00