Tumori, Fiagop: “Cure bimbi nei centri migliori con monitoraggio a casa grazie a Rete”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – “E’ giusto che la gente che vada nei centri migliori, per ricevere le migliori cure” per i loro bambini con malattia oncologica, “dopodiché può andare in un centro più lontano e venire monitorata dalla famosa Rete. Io non voglio che i bambini muoiano. Ma non solo. I bambini devono essere accolti. Non dobbiamo lavorare per dire alla famiglia che non si deve spostare, assolutamente: noi abbiamo credo 500 case alloggio sparse su tutto il territorio nazionale perché ospitiamo queste famiglie che arrivano da lontano, Fiagop raccoglie 34 associazioni distribuite su tutto il territorio nazionale e quindi siamo ovunque”. Lo ha detto Paolo Viti, presidente Fiagop (Federazione italiana associazioni genitori e guariti oncoematologia pediatrica), questa mattina nel suo intervento a Montecitorio al convegno ‘Rete nazionale tumori rari: criticità e prospettive per l’oncoematologia pediatrica’ organizzato da Fiagop, a cui ha partecipato anche Aieop (Associazione italiana di ematologia e oncologia pediatrica), in occasione della Giornata mondiale contro il cancro pediatrico che si celebra oggi 15 febbraio. 

Rammaricato per l’assenza delle Regioni, al convegno a cui erano state invitate, Viti ha osservato che “accanto a centri ospedalieri d’eccellenza, vaste aree del territorio nazionale non dispongono di strutture per la cura dei tumori pediatrici. In considerazione dei numeri relativamente piccoli di tali malattie, è comprensibile che non tutte le terapie possano essere erogate presso tutti i distretti, ma una buona organizzazione della Rete nazionale dei tumori rari potrà tutelare la qualità delle cure e anche la qualità della vita di pazienti e famiglie”. 

Sulla ricerca, il presidente Fiagop chiede “maggiori investimenti, sia a livello nazionale che presso la Comunità europea, se vogliamo arrivare a un valore molto, molto più basso di 500 bambini che muoiono ogni anno”. Sulle cure palliative, Viti ha rimarcato che ci sono “poche attrezzature, pochi reparti, poche strutture: ci sono associazioni che fanno anche 150 chilometri, 200 chilometri per andare a dare l’assistenza”. Invece “ogni ospedale dovrebbe avere un reparto di cure palliative, ogni ospedale pediatrico lo dovrebbe avere”. 

Parallelamente al convegno romano – si è ricordato nel corso dell’evento – Fiagop organizza in tutta Italia, fino a domenica 18 febbraio, altre due attività. La prima è ‘Diamo radici alla speranza, piantiamo melograni’, con la messa a dimora – presso parchi pubblici, giardini di ospedali e istituti scolastici – di centinaia di queste piccole piante il cui frutto è simbolo della vita e della solidarietà.  

La seconda iniziativa è ‘Ti voglio una sacca di bene’, che ha lo scopo di promuovere la donazione di sangue e piastrine e che verrà organizzata presso i centri trasfusionali degli ospedali di varie città italiane grazie al servizio di centinaia di volontari. Le trasfusioni di sangue sono infatti importanti nella cura di questi piccoli pazienti. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Economia circolare, l’allarme in un report: “Tutti ne parlano, pochi la applicano”

Articolo successivo

Calcio: Liverani “Inter può vincere tutto, noi in debito con Salerno”

0  0,00