Allergia al gatto, la causa ‘resta’ in casa anche se il micio non c’è

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Oltre a coccole e fusa, il gatto di casa può fare anche un regalo poco gradito: l’allergia. Secondo i dati Censis, ne soffre un adulto su 5, costretto a rinunciare alla compagnia dei felini domestici. Ma dall’allergia ai gatti si può guarire? Sembrerebbe di sì, anche se non è frequente e ancora non si conoscono le ragioni, è la risposta degli esperti di ‘dottore, ma è vero che..?, il sito anti-fake news della Federazione degli Ordini dei medici, che ne parlano in occasione della Festa nazionale del gatto, che si celebra il 17 febbraio.  

A provocare l’allergia non è, come spesso si pensa, il pelo dell’animale. Nella maggior parte dei casi a scatenarla è una proteina che si chiama Fel d 1, che si trova nella saliva e nelle ghiandole sebacee, e che quindi è frequente che l’animale porti sul pelo leccandosi. L’allergia ai gatti è una di quelle che sembrerebbero guarire più difficilmente – si spiega – Il motivo potrebbe essere la difficoltà di neutralizzare l’allergene che la determina. La proteina Fel d 1 può infatti persistere in una casa fino a sei mesi dopo che il gatto non vive più lì. E alcuni studi hanno mostrato che può anche disperdersi nell’aria: è stato trovato nelle scuole, nelle chiese, negli autobus e perfino negli ospedali.  

Ma allora si potrebbe essere allergici a uno specifico tipo di gatto e non a un altro? La risposta degli esperti è no: tutti i gatti producono allergeni e non esistono mici che non causano allergie. Ci sono, però, alcune razze che hanno meno peli o ne perdono meno e ciò può ridurre l’esposizione agli allergeni nell’ambiente. Inoltre, è vero che tutti i gatti producono la proteina Fel d 1, ma i livelli possono variare fino a 100 volte e questo potrebbe spiegare perché le persone allergiche reagiscano di più ad alcuni gatti rispetto ad altri. Ricapitolando: sembrerebbe che si possa guarire dall’allergia ai gatti, anche se ancora non si conoscono le ragioni. Nonostante si tratti di un argomento complesso e che richiede grandi investimenti economici, si stanno conducendo diversi studi che potranno portare nuove evidenze. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Gender, Brandi (Pro Vita & Famiglia): “Donne vittime dell’industria del transgenderismo”

Articolo successivo

Navalny, vittima della ‘sindrome da morte improvvisa’? Cause e sintomi

0  0,00