Crollo Firenze, non si fermano ricerche ultimo disperso

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Dopo la quarta notte di lavoro, prosegue tra le macerie il lavoro dei vigili del fuoco del nucleo Usar (Urban Search And Rescue) nelle operazioni di ricerca dell’ultimo disperso e di messa in sicurezza di travi e parti pericolanti nell’area del crollo nel cantiere di via Mariti a Firenze avvenuto venerdì scorso. La vittima che si cerca è l’operaio Bouzekri Rachimi, 56enne marocchino, residente a Palazzolo sull’Oglio, in provincia di Brescia. 

Domani, mercoledì 21 febbraio, giorno dello sciopero nazionale proclamato da Cgil e Uil insieme alle categorie degli edili e dei metalmeccanici dopo la strage , i segretari generali Maurizio Landini e PierPaolo Bombardieri parteciperanno alla manifestazione che si terrà nel capoluogo toscano a partire dalle ore 16.30, zona cantiere (via Mariti). Lo annuncia una nota. 

Lo sciopero riguarderà le ultime due ore di ciascun turno per gli addetti di Fiom, Fillea, Uilm e Feneal, le altre categorie hanno programmato per la stessa giornata iniziative di mobilitazione e assemblee nei luoghi di lavoro. Presidi e manifestazioni territoriali si terranno in tutto il Paese.  

“Basta parlare di cordoglio – affermano Cgil e Uil – è il momento che il Governo, le imprese e le loro associazioni di rappresentanza si assumano le responsabilità: massimo ribasso, appalti a cascata, mancanza di controlli, precarietà del lavoro sono conseguenze di scelte, non una fatalità. Mai più morti sul lavoro”.  

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Da Consulcesi un network digitale dedicato a medici e specialisti sanitari

Articolo successivo

Municipia-Yunex Traffic Italia, insieme per trasformazione digitale mobilità urbana

0  0,00