/

L’Orientale: il videoclip del nuovo album di Giacomo Tantillo è un omaggio alla Sicilia e alla grande tradizione bandistica

1 minuto di lettura

Esce Bandistikamente (distrib. IRD), l’omaggio di Giacomo Tantillo ai mille colori della tradizione bandistica: il videoclip che accompagna questa uscita è quello de L’Orientale, rivisitazione del celeberrimo brano di Nino Ippolito autore di questa che è la marcia sinfonica più significativa e più eseguita dalle bande musicali qui ripresa nell’interpretazione della Banda Musicale “Pietro Mascagni” di Bagheria mentre sfila fra i vicoli del Museo dell’Acciuga di Aspra e di Villa Cattolica, fra le ville più antiche di Bagheria.

Con la regia di Valentina Suriano, che ha curato anche il montaggio, e dello stesso Tantillo, questo cortometraggio musicale ambienta la gioiosa marcia di questa banda di giovanissimi lungo vicoli dal sapore di paesaggio popolare medioevale: giovanissimi che sono raccontati con i loro strumenti e attraverso la solarità delle loro risate. L’ambientazione dei vicoli del Museo dell’Acciuga e di Villa Cattolica, con i suoi colori caldi e antichi, suggeriscono il dialogo fra tradizione e innovazione che è poi l’anima di tutto l’album. In mezzo ai ragazzi si aggira Giacomo Tantillo, un pifferaio magico buono e dotato di grande spirito (la sua sordina è un limone…) che conduce tutti lungo la via di un ritmo gioioso e orientaleggiante in cui la scala armonica viene arricchita da una cassa in quattro che ne modifica le armonie in chiave pop-jazz pur mantenendo invariato il tema principale.

Il brano si apre con un intro di solo tromba che accenna la melodia successivamente suonata dai clarinetti, accompagnata dal loop di un pedale elettronico. Il secondo tema (che Nino Ippolito ha voluto affidare ai clarinetti) viene interpretato dalla tromba aprendo, poi, uno spazio solistico di 16 battute. Dopo il ritorno al tema principale, il terzo tema rende protagonisti la tromba e l’Euphonium che, suonando all’unisono, non si scostano molto dal sound originale. Il brano si conclude con un turnaround del primo tema.


Bandisticamente è il un lavoro frutto di anni di ricerche che vede il supporto alla produzione musicale e agli arrangiamenti di Roy Paci, presente ovviamente anche con la sua tromba in duetto con Tantillo. Al fianco di Tantillo la sua band, The Zisas: Michele Mazzola sax baritono, Salvatore Sciarratta trombone, Pietro Sardo euphonium, Fabio Giachino piano e tastiere, Riccardo Vinci basso elettrico e Cristin Martina batteria. Con la partecipazione straordinaria di Antonio Putzu a duduk e low whistle (track 5), dell’Ensemble Trombe Conservatorio A. Toscanini (track 1) e di Giuseppe Viscuso voce folkloristica (track 7).

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Crollo Firenze, l’indagine: “Nel cantiere criticità e operai irregolari in Italia”

Articolo successivo

Giulio Regeni, oggi al via processo agli 007 egiziani

0  0,00