Gaza, Israele colpisce rifugio Medici senza frontiere: almeno 2 morti

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Israele avanti con l’assedio a Gaza. Secondo le ultime notizie di oggi, 21 febbraio 2024, questa notte le forze di Tev Aviv hanno condotto un’operazione nel villaggio di Al Mawasi, a Khan Younis, dove è stato bombardato un rifugio che ospitava il personale di Medici senza frontiere (Msf). 

In un post sul suo account X, la ong umanitaria spiega che “gli equipaggi delle ambulanze hanno raggiunto il sito, dove almeno due familiari dei nostri colleghi sono stati uccisi e sei persone ferite. Siamo inorriditi da ciò che è accaduto”. Anche la Mezzaluna rossa palestinese ha citato l’accaduto, affermando di aver trasferito i morti e i feriti dell’attacco in un ospedale di Rafah.  

Le Forze di difesa israeliane, dal canto loro, hanno annunciato la morte di un altro soldato, e il grave ferimento di altri tre. Il totale dei militari rimasti uccisi nella Striscia sale così a 237. Il militare è rimasto ucciso durante gli scontri con i miliziani di Hamas nel nord della Striscia di Gaza. Due militari sono rimasti gravemente feriti nell’esplosione di un missile anticarro, sempre nel nord di Gaza. Nella parte meridionale della Striscia, un soldato è rimasto gravemente ferito nell’esplosione di un ordigno.  

 

Sul fronte yemenita, l’agenzia del Regno Unito per le operazioni del commercio marittimo (UKMTO) ha avuto notizia di una rafforzata attività di sistemi aerei a pilotaggio remoto 40 miglia nautiche a ovest di Hodeidah. Si tratta dell’area a partire dalla quale gli Houthi filo-iraniani hanno attaccato le rotte marittime per protesta contro le operazioni militari israeliane a Gaza contro il gruppo terroristico Hamas. 

Proprio i ribelli Houthi , denuncia il Comando centrale delle forze armate degli Stati Uniti, Centcom, hanno attaccato un’imbarcazione carica di aiuti umanitari destinati al popolo yemenita. La ‘MV Sea Champion’, battente bandiera greca e di proprietà statunitense, stava viaggiando verso Adén per consegnare grano ‘a beneficio’ degli yemeniti quando gli Houthi hanno lanciato due missili balistici antinave. Uno di essi è esploso vicino all’imbarcazione e ha causato lievi danni, sebbene la ‘MV Sea Champion sia riuscita a proseguire il suo viaggio “verso la sua destinazione finale”. 

“L’aggressione degli Houthi nella regione ha esacerbato i già elevati livelli di carenze nello Yemen colpito dal conflitto, dove resta irrisolta una delle più grandi crisi umanitarie del mondo, con quasi l’80% dell’intera popolazione bisognosa di assistenza umanitaria”, si legge in una dichiarazione che ricorda che la “MV Sea Champion” ha consegnato aiuti umanitari allo Yemen undici volte negli ultimi cinque anni. 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Bimbo di 5 anni picchiato con cavi elettrici, fermate due nigeriane

Articolo successivo

Trump si paragona a Navalny: “Io perseguitato come lui”

0  0,00