Effetti collaterali da smart working, rischi allo studio in Francia

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Smart working: una modalità di lavoro che ha coinvolto un enorme numero di persone in pandemia, ma sulla quale – in particolare sugli effetti per la salute fisica e psichica – sono ancora pochi i dati scientifici consolidati, necessari anche a mettere in atto eventuali politiche di prevenzione. Considerando il fatto che il massiccio ricorso a questo sistema e alle tecnologie associate ha conseguenze forti sull’intera organizzazione della società, oltre che del lavoro. Lo ha evidenziato in Francia l’Agenzia nazionale di sicurezza sanitaria dell’alimentazione, dell’ambiente e del lavoro (Anses), che in collaborazione con sindacati e con l’ente di ricerca Irset ha identificato alcune conseguenze sanitarie del telelavoro, ma ha anche invitato a rafforzare le ricerche in questo campo per valutare meglio i rischi ed attivare eventuali forme di prevenzione.  

Malgrado l’insufficienza dei dati, lo studio ha comunque evidenziato alcuni ‘effetti avversi’ che riguardano in particolare: la salute, con disturbi muscolo-scheletrici, effetti sulla vista, interruzione dei ritmi circadiani come il ritmo sonno-veglia, effetti sull’alimentazione e sui comportamenti di dipendenza, incidenti, effetti sulla salute mentale; la vita sociale, con cambiamenti nel rapporto tra vita professionale e sfera socio-familiare; l’attività lavorativa, con aumento delle esigenze in termini di reattività e disponibilità, orari di lavoro atipici, cambiamenti nelle dinamiche relazionali tra colleghi e con la gerarchia, cambiamenti rispetto alla soddisfazione e del coinvolgimento sul lavoro.  

A questo, sul piano sociale, si aggiunge il fatto che non tutti i lavoratori possono usare questa modalità, con il conseguente innesco di situazioni ingiuste o vissute come tali, quindi psicologicamente rilevanti e a rischio stress. Per l’agenzia francese quella del telelavoro è una svolta epocale. Va dunque seriamente indagata – con studi di peso – anche all’interno del contesto più globale del cambiamento climatico, sia come possibile rimedio o, al contrario, come fonte di aggravio del problema.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

L’occupazione femminile non decolla

Articolo successivo

Allerta Dengue in Italia, controlli su navi e voli a rischio zanzare: ecco i primi dati

0  0,00