/

La Seconda Vita di Vito Palmieri in concorso al BiF&st – Bari International Film Festival

1 minuto di lettura

La Seconda Vita di Vito Palmieri aprirà il Concorso ItaliaFilmFest/Nuovo cinema italiano del BiF&st – Bari International Film Festival sabato 16 marzo alle ore 18.30 al Teatro Piccinni di Bari alla presenza del cast

Il  film prodotto da Articolture in collaborazione con Rai Cinema, uscirà nelle sale il 4 aprile distribuito da Articolture e Lo Scrittoio, dopo un calendario di proiezioni speciali nelle carceri che percorreranno tutto lo stivale, in coerenza con il tema e un approccio di “impact producing”, che punta a massimizzare gli impatti sociali di un progetto filmico.

Scritto da Vito Palmieri (vincitore del Gran Prix del pubblico di Shanghai con il suo film d’esordio, See you in Texas, del Toronto Film Festival con il suo corto Matilde, già presentato in Berlinale Generation K+, e vincitore del premio MigrArti 2018 con Il Mondiale in Piazza) e Michele Santeramo, La seconda vita è la storia di Anna (Marianna Fontana, L’ultima volta che siamo stati bambini, Capri-Revolution, Indivisibili), giovane donna dal passato oscuro, che decide di trasferirsi in un piccolo comune di provincia. Ed è all’interno di questa piccola comunità che Anna riscopre e riassapora la routine del quotidiano: lavora, cammina libera per le strade, conosce persone tra cui Antonio (Giovanni Anzaldo), un uomo dolce e introverso con cui inizia una timida relazione. Ma il passato sembra non lasciarle scampo perché il giudizio degli altri, a differenza delle sentenze e delle condanne, sembra non finire mai.

Il film, infatti, affronta il delicato e urgente tema del reintegro sociale dopo un’esperienza di detenzione, ed è stato realizzato con il coinvolgimento della Casa Circondariale Dozza – Rocco d’Amato di Bologna e della Casa di Reclusione di Volterra. Ciò ha permesso il coinvolgimento di persone in stato detentivo e di mediatori penali nella lavorazione dell’opera e quindi nella sua diffusione, per promuovere la giustizia riparativa come visione alternativa e complementare a sostenere una vera ed efficace inclusione sociale.

La Seconda Vita è stato girato tra Toscana ed Emilia-Romagna: a Bologna, a Rimini e in particolar modo a Peccioli, piccolo comune in provincia di Pisa, che sta vivendo a propria volta una seconda vita grazie a una visione innovativa nel connubio tra creatività e sostenibilità ambientale: le Presenze, gigantesche statue che si stagliano nel paesaggio toscano, infatti dialogano metaforicamente con la storia vissuta dalla protagonista. Il film, oltre alla fotografia del pluripremiato Michele D’Attanasio (vincitore del David di Donatello con Freaks Out, Veloce come il vento, Zinanà), vede coinvolti Lorenzo Esposito Fornasari alle musiche, Corrado Iuvara al montaggio, le sorelle Francesca e Roberta Vecchi ai costumi e l’esordio nel lungometraggio di Ilenia Burtoli alle scene.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Leao illumina il Milan ma non basta, 1-1 contro l’Atalanta

Articolo successivo

Ucraina, oggi vertice all’Eliseo: Macron chiama leader europei al fianco di Kiev

0  0,00