MioDottore supera un altro traguardo: non solo visite, il 70% dei Centri Medici ha già attivato il servizio di prenotazione degli esami diagnostici online

3 minuti di lettura

(Adnkronos) –  

Roma, 27 febbraio 2024 – MioDottore, la piattaforma leader in Italia per le prenotazioni delle visite online, annuncia un ampliamento sostanziale dei suoi servizi anche nel campo degli esami diagnostici. Fino ad ora concentrata prevalentemente nel facilitare l’accesso alle visite mediche, l’azienda si impegna a rendere altrettanto semplice e agevole la fruizione degli esami diagnostici per i pazienti in tutta Italia. Oggi, con ampia copertura sull’intero territorio italiano, più del 70% dei Centri Medici ha già aderito al servizio dimostrando la crescente adesione e fiducia nella piattaforma da parte degli operatori sanitari. 

In un’epoca in cui la prevenzione della salute è cruciale, MioDottore intensifica gli sforzi per promuoverla insieme alla cura attraverso visite ed esami diagnostici periodici. L’azienda si conferma come un’alleata preziosa per i professionisti della salute e per i pazienti, offrendo un servizio affidabile anche per la prenotazione di esami diagnostici di vario genere, come ecografie, radiografie, TAC, risonanze magnetiche etc. 

Luca Puccioni, CEO di MioDottore, sottolinea l’importanza di questa nuova sfida: “Con un’attenzione sempre più decisa all’offerta di servizi che facilitino l’accesso, vogliamo incoraggiare la prevenzione e la cura tra i cittadini. Con questo ampliamento ci confermiamo ulteriormente come punto di riferimento nel settore sanitario. MioDottore si sta affermando come luogo digitale, in cui i pazienti possono affidarsi con fiducia per le proprie esigenze di salute di qualsiasi genere. Da mesi impieghiamo risorse significative per aumentare ancora di più il numero delle strutture sanitarie aderenti al nostro servizio, garantendo un accesso più agevole alla diagnostica per tutti.” Infatti, MioDottore va incontro a una necessità nota da tempo che è emersa anche da una recente indagine condotta dall’azienda dalla quale si evince che, per il 90% dei pazienti italiani, il percorso di prevenzione potrebbe diventare più efficiente se l’accessibilità e la facilità nell’ottenere i servizi fosse più favorevole. 

Un accesso rapido alla diagnostica può evitare una serie di problemi sia a livello individuale che a livello di sistema sanitario nel suo complesso che ricordiamo qui di seguito: 

Diagnosi precoce delle malattie: un rapido accesso alla fase diagnostica permette la tempestiva individuazione di patologie e condizioni mediche. Questo risulta essenziale poiché molte malattie presentano prognosi migliori quando riconosciute e curate precocemente. 

Evitare le complicazioni: una diagnosi fatta per tempo aiuta a prevenire il manifestarsi di complicazioni legate a varie condizioni mediche, specialmente in presenza di malattie croniche. 

Abbattimento dei costi sanitari: un accesso rapido alla fase diagnostica può contribuire a una diminuzione dei costi sanitari totali nel lungo periodo. La tempestiva individuazione e gestione delle condizioni spesso implicano procedure meno invasive e onerose rispetto alla cura delle malattie in fase avanzata. 

Aumento del benessere e della qualità della vita: per numerosi pazienti, una corretta terapia data per tempo può portare a un notevole miglioramento della loro qualità di vita. Ciò potrebbe consentire loro di avviare un adeguato trattamento e apportare modifiche allo stile di vita che potrebbero rallentare il progredire della malattia o addirittura invertire i danni provocati. 

Riduzione delle liste d’attesa: un ingresso celere nella fase diagnostica aiuta a diminuire i tempi d’attesa per i servizi sanitari, potenziando l’efficienza generale del sistema e assicurando che i pazienti ottengano cure adeguate nel minor tempo possibile. 

MioDottore si impegna a continuare a innovare e a migliorare i suoi servizi per fornire soluzioni sempre più efficaci nel campo della sanità digitale, contribuendo così a promuovere la salute e il benessere della popolazione. 

  

MioDottore fa parte del Gruppo DocPlanner ed è la piattaforma leader in Italia dedicata alla sanità privata che connette i pazienti con medici specialisti, medici di medicina generale, centri medici e ospedali come IRCCS Humanitas, IEO, Istituto Auxologico Italiano, Ospedale San Raffaele, Ospedale Israelitico, Gruppo Mantova Salus, Gruppo GVM e Gruppo PSH. MioDottore offre ai pazienti uno spazio dove prenotare online visite mediche con medici specialisti e medici di medicina generale e recensire lo specialista più adatto alle proprie esigenze. Allo stesso tempo fornisce ai professionisti sanitari e ai centri medici utili strumenti per gestire il flusso di pazienti, migliorare l’efficienza e la propria presenza online e acquisire nuovi pazienti. Arrivato in Italia nel novembre 2015, ha già registrato numeri record con 2,5 milioni di prenotazioni al mese, oltre 8 milioni di visite mensili al portale e 300.000 dottori disponibili sulla piattaforma. 

Sono parte di MioDottore anche il CRM TuoTempo, che permette a cliniche, ospedali, ambulatori e studi medici di gestire interamente il percorso digitale del paziente, e GIPO il software gestionale per strutture mediche n. 1 in Italia, che ad oggi gestisce oltre 1.500 centri medici. 

Il Gruppo DocPlanner attualmente serve 90 milioni di pazienti e gestisce 18 milioni di prenotazioni ogni mese. Conta oltre 2 milioni di professionisti e circa 12 milioni di recensioni sui suoi siti in 13 paesi. L’azienda, fondata nel 2012 in Polonia, ad oggi si avvale di un team di 2.200 persone con sedi a Varsavia, Barcellona, Istanbul, Roma, Città del Messico, Monaco, Bologna e Curitiba. 

Per ulteriori informazioni visitare il sito: https://www.miodottore.it/  

Contatti per la stampa
 

NAPER MULTIMEDIA | Zoe Perna | Tel. 02 97699600 | mail: staff@napermultimedia.it 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Oikos, la pittura ecologica compie 40 anni

Articolo successivo

Mattarella ha incontrato la Presidente parlamento cipriota Demetriou

0  0,00