Russia, chi dopo Putin? Nessun erede, sarà lotta per il potere

2 minuti di lettura

(Adnkronos) –
Chi raccoglierà il testimone del 72enne Vladimir Putin? E’ la domanda che si pone il Washington Post, mentre in Russia sono aperti i seggi per le elezioni 2024 che consegneranno un nuovo mandato allo zar. Una formalità per il leader russo che si appresta ad essere rieletto per la quinta volta, con la prospettiva di un ulteriore mandato di altri sei anni. E non c’è motivo di pensare che in un futuro anche lontano possa dimettersi. La sua permanenza al Cremlino supererà quella di Joseph Stalin e una cosa per gli osservatori è certa: l’ex spia del Kgb governerà finché sarà in vita. Ma questa longevità può essere sia una risorsa che una debolezza. 

Uno dei ‘segreti’ della longevità di Putin al potere è senza dubbio il suo stile di leadership che non ammette rivali. Alexei Navalny, la figura dell’opposizione più forte e carismatica degli ultimi anni, è morto in una colonia penale artica il mese scorso. Altri potenziali rivali sono stati uccisi, come Boris Nemtsov, assassinato a colpi di arma da fuoco a Mosca nel 2015. Stessa sorte negli anni è stata riservata anche a chi si riteneva fosse suo alleato. Come il capo della Wagner, Yevgeny Prigozhin, morto nello schianto di un aereo due mesi dopo la sua rivolta. Persino i suoi rivali nominali alle elezioni di questo fine settimana, Ekaterina Duntsova e Boris Nadezhdin, sono stati esclusi dal ballottaggio per motivi tecnici. 

Ma chi verrà dopo di lui? Dal momento che il putinismo non ammette rivali, finora c’è stato poco spazio per possibili eredi. Uno dei suoi alleati più stretti è Dmitry Medvedev, ora vice presidente del Consiglio di sicurezza russo. Medvedev è stato presidente della Russia tra il 2008 e il 2012, mentre Putin era primo ministro, in una leadership ‘a tandem’ ideata per aggirare i limiti del mandato. E che vennero modificati definitivamente nel 2021. 

Un tempo considerato una sorta di versione ‘riformista’ di Putin, Medvedev ora è noto per il nazionalismo aggressivo e le dichiarazioni derisorie sull’Ucraina e sull’Occidente. Il contenuto folle di alcuni suoi messaggi spesso sciocca, anche se alcuni analisti sostengono che Medvedev svolga un ruolo studiato a tavolino di “clown di corte” per far sembrare Putin più moderato. 

Tra i possibili candidati alla sua successione c’è l’attuale primo ministro, Mikhail Mishustin, oppure dei leader militari come il ministro della Difesa, Sergei Shoigu, anche se entrambi mancano di sostegno popolare. Al contrario del sindaco di Mosca, Sergei Sobyanin, che però potrebbe pagare il fatto di guidare la città dove il partito Russia Unita è meno forte. 

Nikolai Patrushev, segretario del Consiglio di sicurezza russo, è considerato molto potente, ma sua figura è rimasta dietro le quinte fino all’invasione dell’Ucraina, quando la sua retorica da falco lo ha reso una voce di spicco. Il governatore della regione di Tula, Alexei Dyumin, non è molto conosciuto in Occidente, ma il suo passato di ex guardia del corpo personale di Putin, promosso ad alti livelli militari, ha portato a ipotizzare che potrebbe essere uno dei favoriti alla successione. 

Tra tutti questi nomi, resta difficile anche ipotizzare uno scenario in cui il potere resti in famiglia. Ufficialmente, il presidente russo ha due figlie, entrambe accademiche. Ma finora non è arrivata alcun segnale che faccia ipotizzare per una delle due una futura leadership. 

Senza veri rivali e senza un chiaro erede designato, gran parte delle speculazioni sul futuro della Russia si concentrano allora sulla salute di Putin. L’anno scorso, una voce secondo cui il presidente aveva avuto un infarto si è diffusa su un popolare account Telegram, nonostante l’evidente mancanza di prove. Anche se si tratta solo di voci, queste riflettono un fatto fondamentale – secondo il Washington Post -. A meno che non cambi qualcosa di significativo in Russia, Putin morirà mentre è in carica. 

Molti prevedono che quando lascerà il potere, ci sarà una lotta per il potere aspra e caotica. “I giorni, i mesi e gli anni successivi alla partenza di Putin potrebbero essere ancora più turbolenti di quanto ci si aspetta”, ha dichiarato Robert Person, un esperto di Russia presso l’Accademia militare degli Stati Uniti, secondo cui tuttavia una lotta per il potere non significa che il sistema alla fine cambierà. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Incendio distrugge la villa di Cara Delevingne: “Ho il cuore a pezzi”

Articolo successivo

Israele-Hamas, colloqui in salita: “Nessuna svolta in negoziati tregua”

0  0,00