Bufera Federcalcio in Spagna, arresti e accuse di corruzione e riciclaggio

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – La polizia spagnola ha fatto irruzione negli uffici della federcalcio (Rfef) e in altre proprietà ed ha effettuato sette arresti, come ha confermato alla Dpa la Guardia Civil. Secondo quanto riferito, l’indagine è collegata a sospetta corruzione e riciclaggio di denaro e le perquisizioni sono state ordinate da un giudice istruttore di Majadahonda che ha indagato su contratti sospetti durante il mandato di Luis Rubiales come presidente della Rfef. Sembra che includa anche l’accordo per organizzare la Supercoppa spagnola come torneo a quattro squadre in Arabia Saudita, completato da Rubiales insieme all’ex giocatore del Barcellona Gerard Pique. 

In tutto sono state effettuate 11 perquisizioni in diverse regioni spagnole, inclusa la Granda dove risiede Rubiales. Secondo quanto riferito, in quel momento non si trovava nel paese. Rubiales si è dimesso l’anno scorso a causa della vicenda dei bacio alla Coppa del Mondo femminile, dopo aver baciato sulle labbra la giocatrice spagnola Jenni Hermoso senza il suo consenso. Rubiales ha protestato la sua innocenza, ma è anche sotto indagine penale per l’incidente in Spagna, ed è stato bandito per tre anni dalle attività calcistiche dall’organo di governo mondiale Fifa. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Sanità, esperti: “Salute e sostenibilità binomio per la crescita economica”

Articolo successivo

Come ‘imparare’ a essere felici

0  0,00