/

Capodimonte da Reggia a Museo. Cinque secoli di capolavori da Masaccio a Andy Warhol

1 minuto di lettura
Giovanni Bellini La trasfigurazione, circa 1478-79 Olio su tela Napoli, Museo e Real Bosco di Capodimonte

La Reggia di Venaria, patrimonio Unesco alle porte di Torino, ospita dal 29 marzo al 15 settembre 2024 alle Sale delle Arti Capodimonte da Reggia a Museo. Cinque secoli di capolavori da Masaccio a Andy Warhol, mostra con oltre sessanta capolavori provenienti dalle collezioni artistiche di Capodimonte che annoverano grandi maestri da Masaccio a Parmigianino, da Tiziano a Caravaggio, per citarne alcuni.

La cura generale è affidata a Sylvain Bellenger e Andrea Merlotti e ad un comitato curatoriale composto da Patrizia Piscitello, Carmine Romano, Alessandra Rullo, Clara Goria e Donatella Zanardo.

Caravaggio La flagellazione, 1607 Olio su tela Napoli, chiesa di San Domenico Maggiore
Caravaggio La flagellazione, 1607 Olio su tela Napoli, chiesa di San Domenico Maggiore

Un percorso espositivo per scoprire la collezione di Capodimonte e la storia di una Reggia divenuta un grande Museo che, nel corso dei secoli, ha preservato alcune tra le più raffinate raccolte d’arte di tutta Europa.

L’allestimento delle sale della mostra segue la storia del Palazzo Reale di Capodimonte che accolse inizialmente la collezione d’arte dei Farnese per poi divenire il primo museo napoletano. Il museo si arricchisce nel tempo della collezione dei Borbone e opere provenienti da chiese e conventi del territorio che avevano fatto confluire nel patrimonio regio opere soprattutto di scuola meridionale.

Sarà possibile ammirare capolavori di magnifici artisti tra cui Tiziano, Masaccio, Giovanni Bellini, Lorenzo Lotto, Parmigianino, Annibale Carracci, Guido Reni, Caravaggio, Artemisia Gentileschi, Mattia Preti, Dunouy e Warhol.

La mostra è resa possibile grazie all’intervento del Ministero della Cultura e realizzata dal Consorzio delle Residenze Reali Sabaude, in collaborazione con il Museo e Real Bosco di Capodimonte e i Musei Reali di Torino in virtù di un rapporto eccezionale ed esclusivo tra prestigiosi enti culturali di valenza internazionale.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Israele-Hamas, Netanyahu: “Nessun ostaggio sarà lasciato a Gaza”

Articolo successivo

Ucraina, Zelensky e il piano di Putin: “Dateci armi o guerra presto in Europa”

0  0,00