Premio Strega, dozzina a maggioranza rosa: in gara Di Pietrantonio e Valerio

3 minuti di lettura

(Adnkronos) – Al via la gara della LXXVIII edizione del Premio Strega con la selezione ufficiale della dozzina a netta prevalenza femminile (le scrittrici sono, infatti, sette).  

A sfidarsi per entrare nell’ambita cinquina dei finalisti che verrà proclamata mercoledì 5 giugno al Teatro Romano di Benevento, saranno: Sonia Aggio con “Nella stanza dell’imperatore” (Fazi), proposto da Simona Cives; Adrián N. Bravi con “Adelaida” (Nutrimenti), proposto da Romana Petri; Paolo Di Paolo con “Romanzo senza umani” (Feltrinelli), proposto da Gianni Amelio; Donatella Di Pietrantonio con “L’età fragile” (Einaudi), proposto da Vittorio Lingiardi; Tommaso Giartosio con “Autobiogrammatica” (minimum fax), proposto da Emanuele Trevi; Antonella Lattanzi con “Cose che non si raccontano” (Einaudi), proposto da Valeria Parrella; Valentina Mira con “Dalla stessa parte mi troverai” (Sem), proposto da Franco Di Mare; Melissa Panarello con “Storia dei miei soldi” (Bompiani), proposto da Nadia Terranova; Daniele Rielli con “Il fuoco invisibile. Storia umana di un disastro naturale” (Rizzoli), proposto da Antonio Pascale; Raffaella Romagnolo con “Aggiustare l’universo” (Mondadori), proposto da Lia Levi; Chiara Valerio con “Chi dice e chi tace” (Sellerio), proposto da Matteo Motolese; Dario Voltolini con “Invernale” (La nave di Teseo), proposto da Sandro Veronesi. 

La selezione della dozzina, che è avvenuta tra le 82 opere proposte quest’anno dagli Amici della domenica, come si chiamano per tradizione i 400 votanti dello Strega, è stata annunciata oggi nella Sala del Tempio di Vibia Sabina e Adriano a Roma. La scelta è stata compiuta dal Comitato direttivo del premio composto da Pietro Abate, Giuseppe D’Avino, Valeria Della Valle, Alberto Foschini, Paolo Giordano, Dacia Maraini, Melania G. Mazzucco, Gabriele Pedullà, Stefano Petrocchi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine.  

Nella serata finale, che si terrà giovedì 4 luglio, come di consueto nel giardino del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma e in diretta televisiva su Rai 3, sarà ripristinato lo scrutinio dal vivo degli ultimi cento voti espressi dalla giuria. 

“Le opere presentate quest’anno al premio Strega dagli Amici della Domenica offrono un panorama frastagliato e contraddittorio, ma esaustivo, sulla narrativa contemporanea in lingua italiana – ha spiegato Melania G. Mazzucco, presidente del Comitato direttivo – Abbondano le narrazioni oblique e non finzionali, composite, di taglio saggistico, memoriale o confessionale. Ma ritorna il romanzo d’impianto più classico, sia d’ambiente contemporaneo sia storico, con una lingua media, spesso intarsiata di dialetto, e un ritmo rapido, talvolta adattato alla serialità televisiva. All’opposto, svariate scritture sperimentali propongono impervie esperienze di lettura, in polemica e apprezzabile attitudine di resistenza alla prepotenza delle mode e del mercato”. 

Cambia il numero dei votanti del premio Strega che passano da 660 a 700. Questa una delle novità annunciate oggi al Tempio di Adriano di Roma durante la presentazione della dozzina. I votanti cambiano per via dell’aumento dei voti collettivi dei circoli di lettura delle Biblioteche di Roma (che passano da 15 a 20) e degli Istituti italiani di Cultura nel mondo (da 30 a 35) che contribuiscono alla formazione della giuria esprimendo ciascuno 7 votanti, per un totale di 245 studiosi, traduttori e appassionati della nostra lingua e letteratura residenti all’estero. Tra i nuovi Amici della Domenica, poi, ci sono Roberto Andò, Alessandro Baricco, Anna Bonaiuto, Giulia Caminito, Giordano Bruno Guerri, Mauro Mazza, Antonella Polimeni, Loretta Santini e Roberto Vecchioni. 

Gli aventi diritto di voto sono così suddivisi: 400 voti degli Amici della domenica, 245 voti dall’estero, 25 voti collettivi espressi da scuole, università e circoli di lettura delle Biblioteche di Roma, 30 voti di lettori forti scelti nel mondo delle professioni e dell’imprenditoria. 

I libri in gara concorreranno alla undicesima edizione del Premio Strega Giovani e saranno letti e votati da una giuria composta da oltre mille studentesse e studenti provenienti da 106 scuole secondarie superiori in Italia e all’estero. La proclamazione del libro vincitore si terrà in giugno. 

Anche quest’anno gli autori candidati e finalisti del Premio Strega parteciperanno allo Strega Tour: 26 tappe in tutta Italia e una all’estero, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles, in cui potranno incontrare i lettori. Nei mesi di aprile e maggio, inoltre, presso la Casa delle Letterature di Roma, presenteranno al pubblico i loro romanzi. 

L’illustrazione del Premio è di uno dei più noti artisti attivi nella moda e nell’editoria, Andrea Tarella, la cui Strega d’autore allestisce un immaginario composito di idee, storie e personaggi germoglianti da una testa immersa in un sogno notturno.  

Il Premio Strega è il riconoscimento letterario promosso da Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e Strega Alberti Benevento, con il sostegno di Roma Capitale e Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con Bper Banca, media partner Rai, sponsor tecnici Librerie Feltrinelli e Sygla.  

Presentata oggi anche la dozzina del Premio Strega Poesia 2024. Alla seconda edizione sono stati 144 libri presentati. Il Comitato scientifico del Premio Strega Poesia – composto da Maria Grazia Calandrone, Andrea Cortellessa, Mario Desiati, Elisa Donzelli, Roberto Galaverni, Vivian Lamarque, Valerio Magrelli, Melania G. Mazzucco, Stefano Petrocchi, Laura Pugno, Antonio Riccardi e Gian Mario Villalta – ha scelto le dodici opere che accedono alla selezione della cinquina, che verrà annunciata nel mese di maggio. 

Questa la dozzina selezionata: Alida Airaghi con “Quanto di storia” (Marco Saya), Alessandro Anil con “Terra dei ritorni” (PordenoneLegge-Samuele Editore), Gian Maria Annovi con “Discomparse” (Aragno), Daniela Attanasio con “Vivi al mondo” (Vallecchi Firenze), Alessandro Baldacci con “Il dio di Norimberga” (Pequod), Antonio Bux con “Mappe senza una terra” (RP libri), Roberto Cescon con “Natura” (Stampa 2009), Stefano Dal Bianco con “Paradiso” (Garzanti), Giovanna Frene con “Eredità ed Estinzione” (Donzelli), Rosaria Lo Russo con “Tande” (Vydia Editore), Tommaso Ottonieri con “Cinema di sortilegi” (La Vita Felice), Enrico Testa con “L’erba di nessuno” (Einaudi). 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Una fondazione per la digital revolution indipendente da interessi politici ed economici, per snellire e semplificare le procedure amministrative e concretamente più vicina ai giovani

Articolo successivo

Migranti, Mattarella “Fenomeno da gestire globalmente”

0  0,00