Iran attacca Israele con droni, pioggia di Shahed

1 minuto di lettura

(Adnkronos) –
L’Iran attacca Israele con centinaia di droni, lanciati in 3 ondate. Teheran avvia l’offensiva, nell’operazione ‘Vera promessa’, utilizzando un’arma ben nota: i droni Shahed, protagonisti anche nel conflitto tra Russia e Ucraina perché usati ampiamente da Mosca per colpire le città ucraine. 

I droni Shahed sono sotto i riflettori dalla fine del 2022 e in particolare dall’inizio del 2023 per il ruolo che ricoprono nelle strategie russe. I droni Shahed-136 sono piccoli veicoli aerei senza equipaggio (UAV) progettati con costi limitati per eludere le difese aeree e colpire bersagli a terra dopo averli individuati. 

“I droni Shahed-136 sono munizioni vaganti. Le loetering munition a livello tattico hanno più o meno le stesse caratteristiche”, ha spiegato in passato all’Adnkronos Tiziano Ciocchetti, analista militare di difesa online.  

Il drone – lungo circa 3,5 metri, con apertura alare di 2,5 metri e velocità di 180/190 km orari – ha una caratteristica forma a delta con la fusoliera, dove si trova la testata esplosiva, direttamente integrata nelle ali, ai cui margini si trovano gli stabilizzatori.  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

C’è un terzo Bronzo di Riace: tutta la storia in uno spettacolo teatrale

Articolo successivo

Iran attacca Israele, missile intercettato – Video

0  0,00