Parte “Vivere meglio”, il nuovo supporto psicologico gratuito

1 minuto di lettura

L’iniziativa “Vivere meglio” promuove l’accesso a terapie psicologiche per ansia e depressione a titolo gratuito. Questa seconda edizione del progetto ha l’obiettivo far ritrovare equilibrio e benessere psicologico alle persone che hanno dovuto fronteggiare le alluvioni in Emilia Romagna, Toscana e Marche.

Le calamità in queste aree, oltre ad aver causato vittime e danni economici, hanno lasciato tracce sul benessere psicologico delle persone coinvolte. Si tratta quindi di disagi tuttora presenti, che potrebbero sfociare in disturbi cronici di ansia o depressione oltreché in malesseri fisici.

È lo stesso Felice Damiano Torricelli, presidente dell’ENPAP a sottolineare l’importanza del progetto affermando che:” Le tensioni generalizzate degli anni recenti hanno portato a un accresciuto bisogno di supporto psicologico e tuttora i servizi pubblici non riescono a fornirlo, lasciando coloro che non possono permettersi di pagare consulenze private in una condizione di sofferenza e di svantaggio.

I territori colpiti dalle alluvioni hanno subito un ulteriore stress massivo collettivo che ha comportato un generale sconvolgimento dell’organizzazione della vita delle persone, peggiorandone drammaticamente la qualità”.

Vivere Meglio” ha il supporto dei Medici di Medicina Generale che, negli ambulatori delle zone alluvionate, vedono sempre più persone con malesseri psicologici anche importanti:

“Abbiamo aderito in maniera entusiastica, perché noi medici di medicina generale siamo la prima interfaccia con le persone che accusano un malessere e in questo momento storico, segnato anche da una crisi delle aggregazioni sociali e delle relazioni familiari, il malessere psicologico è una componente importante. Noi siamo corpo e mente, immersi in un sistema bio-psico-sociale.

Nei territori colpiti dalle catastrofi alluvionali si avverte ancora più disagio”, ha affermato Antonio Pio D’Ingianna, coordinatore nazionale della FIMMG per il progetto Vivere Meglio.

“Ogni medico di medicina generale, seconda la propria valutazione clinica, individuerà delle persone a rischio alle quali somministrerà dei questionari di screening rapido Federazione Italiana Medici di Medicina Generale.validati scientificamente, messi a disposizione dall’ENPAP.

Una volta avuto l’esito, le persone potranno essere inviate al collega psicologo con cui approfondiranno, sia dal punto di vista diagnostico che terapeutico. I trattamenti psicologici possono avere diverse intensità, e noi medici di medicina generale avremo tutti i feedback sull’andamento dei trattamenti e le rilevazioni diagnostiche», sottolinea D’Ingianna.

Il progetto è interamente finanziato dall’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Psicologi a sostegno degli psicologi e dei cittadini delle zone alluvionate. Quest’anno si avvale della collaborazione della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale.

Le province nelle quali sono disponibili trattamenti gratuiti da parte degli psicologi di Vivere Meglio sono:
per la Toscana: Firenze, Livorno, Pisa, Pistoia e Prato;
per l’Emilia Romagna: Bologna, Forli-Cesena, Ferrara, Ravenna, Rimini;
per le Marche: Ancona e Pesaro-Urbino.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Ferrari, Vasseur “Dovevamo avere un’altra posizione in griglia”

Articolo successivo

Sainz “In Cina lontani dalla Red Bull, la Mclaren ci ha sorpreso”

0  0,00