PNRR-Villa Pamphilj. Parla Midiri: Ecco gli obiettivi

2 minuti di lettura

PNRR e Villa Doria Pamphilj: da anni se ne parla, ma ora si agisce.

Lo_Speciale ha intervistato Renato Midiri, capogruppo PD nel Municipio XII di Roma, per avere aggiornamenti sui finanziamenti PNRR che ricadranno su Villa Pamphilj, il terzo parco pubblico più grande della Capitale.

Quali aggiornamenti ci sono sui 12 milioni di euro di finanziamenti del PNRR destinati Villa Pamphilj?

“Villa Pamphilj è da sempre oggetto di una particolare attenzione.
Ai 12 mln di interventi che hanno diverse finalità tra cui la riqualificazione delle strutture, come i casali o le fontane, si è aggiunto anche un importante intervento. Questo, di oltre 3 mln previsto per il Giubileo 2025, è  rivolto alla cura del verde della Villa.
Ad oggi Villa Pamphilj ricade nel macro finanziamento del PNRR chiamato “Caput Mundi”, una specifica linea di investimento prevista su Roma. In quanto i finanziamenti del PNRR sono soggetti alle tempistiche e alle modalità di spesa del Piano, se non verrà concordata una proroga tra Governo nazionale e Commissione Europea le rendicontazioni e tutte le spese dovranno essere fatti entro il 2026.
In questi mesi la Commissione sta seguendo, relativamente al PNRR, non solo una fase di definizione sugli investimenti o sulle spese da realizzare. Stiamo cercando di avere anche una contezza dell’iter amministrativo dei vari lavori per supportare e aiutare l’amministrazione ad avere questi progetti pronti per la scadenza prevista.
Nella Commissione è però emersa una grande novità: di oltre 200 interventi previsti per Caput mundi, è stato concordato con il Governo Nazionale che 100 di questi dovranno essere conclusi entro il 2024.
Ad oggi non abbiamo ancora chiaro se tra gli interventi ci saranno anche quelli rivolti a Villa Pamphilj, perché siamo in attesa di una relazione specifica da parte della sovrintendenza capitolina, il soggetto attuatore di questi interventi.
Certo è che ci aspettano mesi importanti per dei lavori altrettanto rilevanti, dunque vi è la necessità di un controllo e di una particolare attenzione da parte nostra, sia come amministrazione che come Municipio”.

Un tasto dolente da anni sono i bagni pubblici del parco, non funzionanti e non agibili dal lontano 2016. Come pensate di agire?

“Fornire dei servizi pubblici alla Villa è un obiettivo e un elemento di grande importanza per tutta la cittadinanza. Sono infatti previsti interventi che mirano a riportare i presenti bagni pubblici in piena funzione in vista del Giubileo. Chiaramente vigileremo, saremo attenti affinché anche questo aspetto vada in porto”.

Dal 2017 è invece chiuso il punto jogging, sul lato di via Leone XIII. Quali interventi sono previsti per la sua riqualificazione e riapertura?

“Il punto jogging sarà riaperto con i fondi del Municipio e del Comune e sarà gestito anche in sinergia con il centro anziani accanto. Questo ci permetterà di portare un servizio nella Villa. La nostra attenzione è mirata anche a questo, un aspetto rilevante per tutti i cittadini”.

In programma c’è anche la creazione di aree, impianti, dedicati ad altre attività sportive oltre il punto jogging?

“Sicuramente. Ma dobbiamo anche rendere funzionali e pienamente accessibili le aree esistenti, sia quelle inerenti allo sport sia l’area giochi per i bambini e gli abitanti del Municipio”.

E il centro anziani?

“Ad oggi il centro anziani “Bel Respiro” è attivo e funzionale.
Recentemente si è anche svolta l’elezione dell’ambito del nuovo regolamento del CSA, per cui non si tratta più di un semplice centro anziani ma saranno veri e propri centri sociali di quartiere.
Con questa nuova forma giuridica, “Bel Respiro” ha anche una sua autonomia e uno stretto contatto con il Municipio, il Comune e tutti gli enti proposti per risolvere tutte le eventuali problematiche che possono emergere”.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

A Washington manifestazione contro l’abolizione del diritto all’aborto

Articolo successivo

Netanyahu: “Antisemitismo nei campus Usa come in università tedesche anni ’30”

0  0,00