/

Elettrici senza frontiere, ma sostenibili? Le ultime novità

1 minuto di lettura

Il tema della sostenibilità ambientale, ritenuto da tutti di cogente attualità ed urgenza, viene spesso trattato sottolineando il ruolo e la responsabilità dei governi nella gestione del problema. 

Molto meno di frequente, al contrario, si menzionano le piccole e medie organizzazioni del terzo settore che da anni sono in prima linea per garantire un accesso all’energia pulita e sostenibile a realtà del Sud Globale. 

Tra queste spicca “Elettrici senza Frontiere”, un’associazione costituita nel giugno del 2015 sul modello dell’organizzazione non governativa francese “Electriciens sans frontières”, che dal 1986 mette le proprie competenze al servizio di progetti di solidarietà internazionale finalizzate all’accesso all’elettricità e all’acqua.

L’associazione Elettrici Senza Frontiere è composta principalmente da volontari, dipendenti e pensionati delle aziende del settore elettrico che mettono a disposizione le proprie professionalità a livello mondiale, principalmente su sollecitazione di ONG e di associazioni umanitarie. 

Nella giornata di giovedí 9 maggio, l’Assemblea Associativa di Elettrici Senza Frontiere ha eletto il nuovo Presidente: l’Ing. Vittorio Vagliasindi, da tre anni Direttore Generale dell’Associazione e con esperienza in progetti nazionali ed internazionali quali “Enel Produzione”, “Endesa Chile”, “Enel Americas” e “Brindisi L.N.G”. 

Vagliasindi, con la sua lunga esperienza nel settore energetico, in particolare nell’ambito delle energie rinnovabili, porterà un contributo fondamentale allo sviluppo di progetti innovativi che coniughino l’accesso all’elettricità per le popolazioni più svantaggiate con la tutela dell’ambiente. 

Nel suo discorso di ringraziamento, rivolgendosi all’assemblea ha dichiarato: “Ringrazio l’Ing. Egidi, il Consiglio e l’Assemblea di tutti i Soci per la fiducia che hanno voluto accordarmi. Continuo a credere profondamente nella missione benevola della nostra Associazione e sono certo che il Piano di Azione del 2024 sarà un altro contributo concreto allo scopo nobile con cui operiamo nel mondo da 9 anni. Oltre alle missioni già in programma, il 2024 sarà dedicato a creare nuove modalità di coinvolgimento dei Volontari Civili, vero cuore pulsante di questa Associazione, e a diffondere costantemente la nostra missione in Italia e nel mondo”. 

Da sempre, infatti, “Elettrici senza Frontiere” sostiene che l’energia elettrica rappresenti un fabbisogno primario per le famiglie e per la collettività, premendo affinché quella porzione di popolazione globale che ad oggi non ha libero accesso all’energia, più di un miliardo di persone secondo i dati di ESF, possano finalmente vedere migliorate le proprie condizioni di vita. 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Festa della mamma, il doodle di Google per il 2024

Articolo successivo

Israele: “Avanti con operazione a Rafah per portare ostaggi a casa”

0  0,00