Rafah, Israele schiera altre truppe. Idf: “5 soldati uccisi da ‘fuoco amico'”

1 minuto di lettura

(Adnkronos) – Il Comando dell’esercito israeliano ha inviato un’altra brigata a Rafah, mentre attende l’approvazione del governo all’ampliamento dell’offensiva. Il nuovo contingente – riferisce il Times of Israel – è stato schierato nella notte nella città meridionale della Striscia, unendosi alla 162esima Divisione, che opera nella parte orientale della città dall’inizio di questo mese. 

L’Idf ha inoltre reso noto che 5 soldati israeliani sono stati uccisi e altri sette sono rimasti feriti, di cui tre gravemente, in un incidente di ‘fuoco amico’ avvenuto ieri sera a Jabaliya. E ha spiegato che un carro armato dell’esercito israeliano, che operava a fianco dei paracadutisti nel campo della città nel nord di Gaza, attorno alle 19 ha sparato due proiettili contro un edificio dove i militari erano radunati. 

Cinque soldati dell’Idf sono invece rimasti feriti dopo essere stati investiti da un’auto ad Haifa, in quello che secondo la polizia è probabilmente un incidente stradale e non un attacco intenzionale. La polizia afferma di aver localizzato l’investore, che dopo aver travolto i militari si era dato alla fuga, e di aver avviato un’indagine, anche se probabilmente si è trattato di un incidente. 

Il servizio di ambulanze israeliano Magen David Adom riferisce che i cinque giovani sono stati portati al Rambam Medical Center della città. Uno di loro è moderatamente ferito con ferite alla testa e agli arti, mentre gli altri quattro sono leggermente feriti. 

Nelle ultime 24 ore, inoltre, Hezbollah ha effettuato il suo attacco più profondo in territorio israeliano, utilizzando due droni armati. Uno è stato abbattuto dalle difese aeree israeliane e l’altro ha colpito una “struttura militare sensibile vicino allo svincolo di Golani, a ovest di Tiberiade” a circa 35 km, dal confine con il Libano, rende noto sempre l’Idf. 

Hezbollah afferma che l’attacco è stato una risposta ai recenti attacchi israeliani nel sud del Libano che hanno ucciso i suoi membri. Israele ha risposto all’attacco al Golani Junction effettuando almeno 15 attacchi durante la notte nella regione di Baalbeck, nel Libano orientale. Secondo l’esercito, tra gli obiettivi c’erano un impianto di produzione di armi utilizzato per costruire armi guidate e un drone. 

La polizia di frontiera israeliana ha invece sventato un tentativo di accoltellamento a Gerusalemme, uccidendo l’assalitore. L’uomo si era precipitato verso i soldati con un coltello, dopo essere stato fermato per un’ispezione, ma è stato colpito prima che potesse ferire qualcuno di loro. 

Il Comando Centrale delle forze armate statunitensi (Centcom) ha annunciato dal canto suo che questa mattina un nuovo molo temporaneo per aiuti umanitari, costruito dagli Stati Uniti, è stato ancorato alla spiaggia di Gaza. Si prevede che i camion che trasportano assistenza umanitaria “inizieranno a sbarcare nei prossimi giorni”, con gli aiuti che verranno ricevuti e distribuiti dalle Nazioni Unite, ha scritto su X Centcom. 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Turicchi (Ita): “Con Aeroporti di Roma condividiamo la visione di un futuro intermodale”

Articolo successivo

Di Palma (Enac): “Airport in the City concretizza intermodalità”

0  0,00