Tennis: Roland Garros. Singolo donne, subito Bronzetti-Osaka

1 minuto di lettura

Al via quattro azzurre: in gara anche Trevisan, Cocciaretto e Paolini. ROMA (ITALPRESS) – In attesa della conclusione delle qualificazioni (dove Sara Errani è al turno decisivo), sono 4 le tenniste azzurre ai nastri di partenza del tabellone principale del singolare femminile del Roland Garros, seconda prova del Grande Slam del 2024, in scena sulla terra rossa di Parigi dal 26 maggio al 9 giugno. Seguendo l'ordine del tabellone non un bel sorteggio per Lucia Bronzetti, 48 del mondo, che deve vedersela subito con la giapponese Naomi Osaka, 134 del ranking Wta ma ex numero 1 del mondo, rientrata a gennaio dopo un anno e mezzo di stop prima per problemi personali e poi per maternità. Martina Trevisan, 88 del ranking internazionale, attende invece una giocatrice proveniente dalle qualificazioni. Decisamente sfortunata nel sorteggio, poi, Elisabetta Cocciaretto, 52 del mondo, che debutterà contro la brasiliana Beatriz Hadad Maia, numero 14 del ranking Wta e 13esima forza del seeding. Infine, l'unica giocatrice italiana sorteggiata nella parte bassa del tabellone è Jasmine Paolini: la 28enne di Castelnuovo di Garfagnana, numero 12 del ranking internazionale e del seeding, troverà dall'altra parte della rete l'australiana Daria Saville (nata Gavrilova), 85 del mondo. Per quanto riguarda le "big", Iga Swiatek, numero 1 del mondo e campionessa in carica, affronterà al debutto una qualificata; in caso di vittoria, al secondo turno, sfiderà la vincente del match Bronzetti-Osaka. Aryna Sabalenka, nuemro 2 del ranking Wta e seconda favorita del toreno, invece, inizierà il suo percorso a Parigi contro Erika Andreeva, sorella maggiore dell'enfant prodige Mirra. – foto Ipa Agency – (ITALPRESS). pdm/com 23-Mag-24 16:39

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Malattie rare: pazienti e clinici a confronto con ‘Dialoghi sull’emofilia A’

Articolo successivo

Sequi “L’Europa non può più trascurare l’Africa”

0  0,00