Europee, Franzi “Regolamentare social per tutelare giovani generazioni”

2 minuti di lettura

ROMA (ITALPRESS) – "Penso che oggi un'urgenza sia quella della regolamentazione dei social media perché l'Europa mette al centro l'importanza dell'individuo, della democrazia, dello stato di diritto, e gli individui sono anche i ragazzi. Io faccio parte di un partito riformista, le riforme sono per le generazioni future e la tutela dei ragazzi è fondamentale". Così Alessandra Franzi, candidata al collegio Nord-Ovest per Stati Uniti d'Europa alle europee 2024, intervistata da Claudio Brachino per la rubrica "Primo Piano – Elezioni europee" dell'Agenzia Italpress. "Credo che noi stiamo attuando un esperimento sociale a spesa dei nostri figli, il mondo si sta sviluppando in maniera digitale e l'intelligenza digitale fa parte delle nostre vite, ma la riflessione sul consumo di piattaforme social riferendoci ai bambini, viene come messa in disparte, come negata, non si dà spazio non solo al fenomeno ma neppure alle conseguenze. Il problema vero è la dipendenza – osserva -, il consumo di piattaforme come Tik Tok crea una continua dipendenza basata sulla ricompensa, più si consuma un determinato video e più c'è un meccanismo di soddisfazione. È un problema diffusissimo e molto serio. Per affrontare questo problema in maniera seria e profonda bisogna creare una collaborazione tra famiglie, istituzioni e scuola. La realtà digitale fa parte di tutti, soprattutto dei ragazzi, la famiglia non può essere lasciata da sola a gestire queste piattaforme, ha bisogno del sostegno delle istituzioni; quindi, l'educazione digitale nelle scuole fin da giovani è importante, in tutte le scuole europee. Penso che sia fondamentale insegnare ai ragazzi come utilizzare la tecnologia a loro vantaggio, senza essere degli schiavi. Penso che le istituzioni in realtà debbano legiferare in modo tale da disincentivare economicamente queste piattaforme social, è complicato ma è la chiave", aggiunge. Poi la Brexit. "E' stata un totale fallimento. In realtà nella città di Londra che molto internazionale, non è stata votata, è stata una propaganda che ha trovato terreno fertile più nelle campagne. Si era venduto il sogno di investire di più nella sanità inglese, ma in realtà questo non è avvenuto e i prezzi sono saliti del 60%. È una situazione molto complicata soprattutto per quella fascia di popolazione che l'ha proprio votata". Un rientro in Ue è possibile ma "non nell'immediato, può essere considerato in futuro, deve trascorrere un po' di tempo. L'Europa è ora una scelta, io ho scelto l'Europa 18 anni fa andando a Londra e diventando una cittadina del mondo e ho imparato moltissimo – spiega -, ho imparato a vedere ed osservare il mondo con gli occhi degli altri. Il fatto di avere uno sguardo ampio aiuta moltissimo in un'ottica europea dove gli Stati devono collaborare. Io vedo l'Europa come un'unione di numerosi Stati e nazioni che possano sostenersi per affrontare quelle che sono le sfide del mondo. Questa legislazione è importantissima perché il voto determinerà il futuro dei prossimi 20-30 anni, non solo dell'Europa ma degli equilibri del mondo; quindi, è molto importante capire che l'Europa oggi deve essere unita più che mai, i ragazzi devono andare a votare e cercare di costruire un'Europa che tuteli l'individuo, ovviamente le scommesse del futuro. Ma il centro è proprio la cura dell'individuo, della democrazia che a volte diamo per scontata. Il mio appello è soprattutto per i ragazzi, andare a votare per determinare il proprio futuro e non far sì che gli altri decidano al proprio posto". Infine, la situazione internazionale. "La guerra inizia come guerra mediatica, fatta di parole, poi però è importante che le istituzioni e la diplomazia lavorino per trovare un terreno dove si possono raggiungere dei compromessi. Mi aspetto un'Europa moderata, più presente, con un progetto di difesa comune, quindi anche federale, che sia in grado di diventare un attore nella realizzazione di un mondo di pace. Devono esserci equilibri tra Russia, Stati Uniti, Europa e Cina perché in realtà siamo tutti interconnessi", conclude. – Foto Italpress – (ITALPRESS). xb1/sat/red 27-Mag-24 15:53

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Nuova Lancia Ypsilon. Un’auto, quattro storie

Articolo successivo

Fsc, De Luca “Contento per gli amici siciliani, ma ora la Campania”

0  0,00