/

Wangiri 2.0: la nuova evoluzione della truffa telefonica

1 minuto di lettura

Il wangiri, termine tradotto letteralmente dal giapponese come “squillo e giù“, è una truffa già ben nota. Attraverso questa pratica, i malintenzionati effettuano uno squillo al quale è impossibile rispondere. Se il destinatario richiama, viene automaticamente reindirizzato verso un numero a pagamento, addebitando uno o due euro in pochi secondi. Tuttavia, ora siamo alle prese con una sorta di “wangiri 2.0”, un’evoluzione ancora più insidiosa.

Come Funziona il Wangiri 2.0?

In questa nuova versione della truffa, i cyber criminali utilizzano bot Internet per inviare numeri internazionali ai moduli di contatto presenti sui siti aziendali. I numeri di telefono coinvolti sono a tariffa maggiorata, e i dipendenti che richiamano si trovano a pagare un conto piuttosto salato. A differenza del wangiri originale, questa variante non solo cambia la modalità di attacco, ma allunga anche la durata dell’inganno.

I truffatori hanno escogitato uno stratagemma per tenere la chiamata aperta il più a lungo possibile, facendo quindi lievitare la somma di denaro addebitata. Quando la vittima richiama, viene riprodotto il suono di un numero che squilla, facendo credere alla persona di essere in attesa, quando in realtà è già connessa alla chiamata e sta subendo un furto di credito.

Il wangiri è solo una delle numerose truffe telefoniche perpetrate dai cybercriminali. Esistono molte altre frodi che sfruttano sistemi ingegnosi, spesso giocando sull’ingenuità o la curiosità delle persone. Alcune di queste truffe convincono direttamente le vittime ad acquistare servizi o a pagare per risolvere problemi inesistenti. Pertanto, è fondamentale rimanere vigili e diffidare di chiamate sospette o di numeri sconosciuti.

Consigli per Difendersi

Ecco alcuni consigli forniti da Panda Security per proteggersi dalle chiamate indesiderate e dalle truffe telefoniche:

1. Verifica i Numeri: Agcom offre uno strumento per verificare se un numero è iscritto al Registro degli Operatori di Comunicazione. Se il numero non risulta iscritto e continua a contattarti, bloccalo manualmente sul tuo smartphone. Tieni presente che alcuni call center o cybercriminali utilizzano software per generare migliaia di numeri di telefono inesistenti, rendendo inutile il blocco di un singolo numero specifico sulla blacklist del tuo cellulare.

2. App di Filtraggio: Utilizza app come Truecaller, disponibile per Android e iOS, che filtrano le chiamate in entrata e consentono la ricerca manuale dei numeri di telefono segnalati da altri utenti.

3. Firma Consensi con Cautela: Firma solo consensi obbligatori e metti la tua firma solo nelle caselle dove il consenso è richiesto per la fornitura del servizio. Evita di finire in liste poco protette che possono essere facilmente forzate dai cybercriminali.

4. Gestisci i Cookie: Accetta solo i cookie essenziali e rifiuta quelli opzionali che potrebbero passare i tuoi dati a terzi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articolo precedente

Irccs San Gerardo Monza, Cogliati “Sviluppare assistenza e ricerca”

Articolo successivo

Heysel, Boniek: “Ricordo sempre vivo, noi costretti a giocare: sembrava un lager”

0  0,00