Addio a Luis Bacalov: premio Oscar per le musiche de "Il Postino"

Musica

Condividi!

Argentino di nascita, aveva compiuto ad agosto 84 anni, si è spento in ospedale a Roma dove era ricoverato da alcuni giorni per un ictus.  Pianista, compositore, direttore d’orchestra e arrangiatore, famoso per le sue colonne sonore cinematografiche nel 1996 vinse l’Oscar per le musiche de “Il Postino”, film di Massimo Troisi. Mentre per “La Tregua”, di Francesco Rosi, ha ricevuto una nomination per il David di Donatello.

Figura di spicco della musica mondiale, Luis Bacalov era in grado di attraversare con disinvoltura sponde diverse della musica: dal pop, alle canzoni per bambini, dalla musica sacra fino alle  colonne sonore per i maggiori registi italiani ed internazionali tra cui ricordiamo:

“La Noia” di Damiani nel 1963, “La congiuntura” di Scola nel 1964, “Il Vangelo secondo Matteo” di Pasolini nel 1965, “La città delle donne” di Federico Fellini nel 1980. Parte della sua colonna sonora dello “spaghetti-western” Il grande duello è invece riutilizzata nel film Kill Bill di Quentin Tarantino, che in seguito avrebbe usato altre composizioni di Bacalov per il suo Django Unchained.

Un grave lutto per  il mondo della cultura che perde uno dei più grandi compositori contemporanei, autore di opere che hanno lasciato il segno nella storia delle Arti.

 

V. Z.

Tagged

Lascia un commento