Terremoto, rabbia di Castelluccio di Norcia: “Diritti violati” – LA LETTERA

In Rilievo

Condividi!

Appello a un anno e mezzo dal terremoto: cresce la rabbia dei cittadini che si sentono abbandonati come la comunità di Castelluccio di Norcia che – in una lettera – si dice “indignata dalle continue risposte fumose che ha ricevuto dai soggetti deputati alla gestione del post sisma” e “ritiene gravemente violati i propri diritti a svolgere le attività lavorative, nonché di fruire del territorio in relazione al quale ne costituisce la cittadinanza e ne è contribuente”.

Pertanto, ha deciso di chiedere “atti e documenti che dimostrino le scelte intraprese e le istruttorie che, ad oggi, hanno coinvolto Castelluccio rendendolo, di fatto, un paese fantasma”. Lo scrive in una lettera con la quale gli abitanti del posto dopo quasi un anno e mezzo dalla prima scossa di terremoto del 24 agosto 2016 chiedono risposte e denunciano immobilità e criticità.

Alla fine del testo l’appello: “Le scelte operate sulla pelle di chi a Castelluccio lavora, vive o ha un immobile, siano concertate con i rappresentati della comunità e che non vi siano più astratte decisioni che stanno mettendo in ginocchio l’economia locale e dell’intera Umbria considerata la forza trainante che il paese rappresenta”.

La lettera è stata scritta sabato da una trentina tra residenti, allevatori, agricoltori e ristoratori del borgo. Agli amministratori pubblici chiedono “risposte e date certe”, si legge sul documento e in particolare “sullo stato dei lavori per la viabilità che è presupposto indispensabile per accedere al territorio di Castelluccio, sulla costruzione della struttura destinata ad ospitare gli operatori economici locali ed il relativo parcheggio, sui criteri adottati per la perimetrazione del paese ed i relativi chiarimenti in ordine alle inclusioni ed esclusioni degli immobili”.

Per i castellucciani “ritardi e inadempienze” sono inaccettabili, anche perchè mai come negli ultimi anni Castelluccio è stato beneficiato dall’esiguità delle nevicate”.

 

Tagged
Marta Moriconi
Coordinatore di Redazione

Lascia un commento