Parisi candidato, Pirozzi medita vendetta. Conferenza stampa e ipotesi M5S

Politica

Condividi!

Stefano Parisi candidato governatore del Lazio. Per il centrodestra sembra sia quasi meglio perdere il Lazio che l’Italia, far riconquistare la Pisana a Zingaretti che sacrificare la possibilità delle larghe intese con il Pd dopo il voto. E ora gli occhi sono tutti puntati su Sergio Pirozzi. Cosa farà il sindaco di Amatrice? Secondo alcuni avrebbe già pronta la vendetta: un accordo con i 5 Stelle.

Stefano Parisi, leader di Energie per l’Italia ha dunque accettato la candidatura a governatore della Regione Lazio. Fra due ex colonnelli di An, Maurizio Gasparri di Forza Italia e Fabio Rampelli di Fratelli d’Italia, alla fine è spuntato lui che nel Lazio comunque non è fra i candidati più conosciuti e con un radicamento nel territorio.

La scelta di Parisi ha comunque messo fine ad una telenovela politica che rischiava di diventare oltremodo stucchevole. Anche perché tanto il governatore uscente del Pd Nicola Zingaretti, che la candidata del Movimento 5Stelle Roberta Lombardi, sono in campagna elettorale già da tre mesi.
L’annuncio lo ha dato lo stesso Parisi con un post su Facebook nel quale annuncia: “Oggi ho ricevuto l’invito dai leader del centrodestra a candidarmi come Governatore della Regione Lazio. Come molti di voi sanno, su questa ipotesi già circolata nei giorni scorsi abbiamo avuto una lunga discussione all’interno della nostra segreteria e tra i Referenti Regionali. Si è trattato di una scelta difficile. Solo pochi giorni fa il Centrodestra, con una decisione incomprensibile, ci ha voluto escludere dall’apparentamento e oggi ci chiede di portare Energie per l’Italia e me stesso a supporto della corsa per il Governo della Regione Lazio”.

L’accettazione della candidatura nel Lazio da parte di Parisi avrebbe finalmente sdoganato l’ingresso di Energie per l’Italia nel centrodestra. Stando ai rumors infatti Parisi e il suo movimento otterranno cinque seggi in Parlamento, due blindati e altri tre facili da conquistare.

Ora resta da capire cosa farà il sindaco di Amatrice Pirozzi che a quanto pare il centrodestra non ha voluto prendere in considerazione. Perchè? Abbiamo provato a contattare Pirozzi che però al momento si è trincerato dietro un provvisorio “no comment”. provvisorio perché parlerà nel pomeriggio a “reti Facebook” unificate.

Nelle ultime ore ha preso a circolare anche l’ipotesi di un possibile accordo con la candidata del M5S Roberta Lombardi. Pirozzi si potrebbe ritirare e appoggiare la Lombardi in cambio di un ruolo chiave nella futura giunta pentastellata, magari come assessore alla ricostruzione.

Ipotesi tutta da confermare, ma che potrebbe essere la logica conseguenza dell’atteggiamento di chiusura quasi pregiudiziale del centrodestra nei suoi confronti. Perché puntare su un”esterno” come Parisi e non su un sindaco del Lazio impegnato in prima linea nella ricostruzione delle aree terremotate? Forse perché come sostiene qualcuno Pirozzi sarebbe stato difficile da controllare da parte dei partiti? Un accordo con i 5S quindi ci potrebbe stare tutto. Sarebbe un’ottima “vendetta” politica da parte di Pirozzi. Aspettare per credere.

Tagged

Lascia un commento