Così Wallis Simpson umiliò il disonorato Edoardo VIII: gay, oltraggi, Jimmy

Gossip In Rilievo

Condividi!

Il Daily Mail attraverso un estratto dell’affascinante nuova biografia su Wallis Simpson ad opera di Andrew Morton rivela che la divorziata americana, che aveva causato l’abdicazione di Edward VIII (Edoardo VIII per noi), nel proseguire la relazione si annoiò con il suo real marito fino ai “diversivi”. Lui che era stato re di Gran Bretagna, d’Irlanda e degli altri domini britannici dal 20 gennaio all’11 dicembre 1936, giorno del suo addio alla Corona, alla fine della vita non guadagnò che derisione da quel rapporto.

Pare che la signora Simpson iniziò ben presto una serie di relazioni oltraggiose apparentemente progettate per denigrare il disonorato Duke, che morì tra le braccia di un’infermiera, ignorato dalla moglie. Nel libro si dice che ogni giorno che passava, la duchessa di Windsor trovava suo marito sempre più noioso, irritante e limitato. Ciò che una volta l’aveva affascinata, la lasciava completamente esasperata.

Già all’inizio degli anni Cinquanta, Wallis non amava più l’ex re d’Inghilterra, né gli era particolarmente affezionata. La loro relazione, riportano sul Daily mail, aveva sempre visto lei come figura dominatrice che aveva accettato di essere dominata dall’etichetta e dalla posizione del marito, ma che nel tempo appariva sempre più priva di fiducia e affetto. Quando Wallis ebbe un’isterectomia per cancro ovarico nel 1951, lui la visitò ogni giorno, portando sempre rose rosse e caviale beluga, “troppo salato” secondo lei che lo cacciava via.

Wallis sapeva, naturalmente, che l’abdicazione aveva reso impensabile il divorzio dal Duca di Windsor. Ma se fosse stata libera, comunque, avrebbe sposato il suo vecchio amico Herman Rogers in un batter d’occhio.

E in effetti, era ancora così vicina al ricco e bello americano che lui invitò il Duca e la Duchessa ad accompagnare lui e la sua seconda moglie in luna di miele a bordo di uno yacht. Durante il secondo giorno di viaggio, Wallis si era già gettata in una storia d’amore selvaggia e improbabile. Si erano fermati a Monte Carlo, attraccando accanto a una barca noleggiata dall’erede Woolworth, Jimmy Donahue.

Jimmy aveva la reputazione di un omosessuale e così il Duca decise di non accompagnare la moglie ad una sua festa. Per i successivi quattro anni lei trascorse tutto il suo tempo con lui che faceva piovere gioielli su Wallis compreso un anello di zaffiro, pellicce, fiori, yacht noleggiati, e soprattutto devozione senza complicazioni.

È stata una relazione molto pubblica che ha scioccato e sorpreso anche i più sofisticati. Molti pensavano che Wallis fosse impazzita. Lady Gladwyn, una delle conoscenze dei Windsor, ricorda: “È diventata maleducata, odiosa e strana. Si aveva l’impressione che fosse drogata o ubriaca”.

E ancora: “Passava tutto il suo tempo con giovani effeminati, rimanendo nelle discoteche fino all’alba e mandando presto il Duca a casa:” Buzz off, zanzara”. Uno strano modo di rivolgersi alla volta del re d’Inghilterra.

Alla fine l’inclusione di un omosessuale nella cerchia ristretta di amici non era nulla di insolito per il Duca sebbene avesse un noto disprezzo per l’omosessualità. In un’occasione, quando stavano discutendo dei loro amici gay, Wallis sentenziò rivolgendosi ad Edoardo: “Dovresti ascoltarli, sono molto più brillanti di te”. A differenza di altri omosessuali nel circolo di Windsor, tuttavia, Donahue amava scioccare e spogliarsi nudo durante la cena.

Insomma il re, il fu re, concluse la vita non certo come avrebbe voluto.

 

Tagged

Lascia un commento