Cambia la Serie A in tv. Cosa fare degli abbonamenti Sky e Mediaset?

Economia In Rilievo

Condividi!

Parlare di rivoluzione sarebbe eccessivo ma dalla prossima stagione ci saranno cambiamento importanti nel modo in cui i tifosi guarderanno il calcio in televisione. La Lega Serie A ha infatti assegnato al gruppo spagnolo Mediapro i diritti tv per il prossimo triennio per 1,05 miliardi a stagione. Non solo su satellite e digitale terrestre, nel prossimo triennio la Serie A andrà in onda su ogni piattaforma, anche sulle Iptv (tv su internet) e i telefonini secondo i piani dell’intermediario che si è aggiudicato i diritti del nostro campionato per i prossimi tre anni.

Un abbonato a Sky o Mediaset «assolutamente non dovrebbe disdire l’abbonamento ma stare fermo e aspettare». Questo il consiglio di Luigi De Siervo, amministratore delegato di Infront, l’advisor con cui la Lega Serie A ha accettato l’offerta. I tifosi dovranno abbonarsi ad un altro soggetto differente rispetto a Mediaset e Sky? Sembra di no perché Mediapro non intende trasmettere in proprio le partite. I suoi piani prevedono di rivenderle a tutti gli operatori interessati.

LEGGI ANCHE: Tavecchio si è dimesso. Cambierà il calcio italiano?

Media Pro ha detto di ispirarsi al modello della Premier League inglese, il campionato di calcio più ricco e seguito a livello mondiale. Dai big match agli scontri salvezza, la Serie A deve andare in scena in tv con un unico standard produttivo, raccontando un romanzo sportivo, non singoli episodi. La missione della società spagnola è quello di «rendere identificabile il marchio calcio».

Entro 45 giorni l’Autorità garante della concorrenza e del mercato dovrà dare il via libera per l’assegnazione definitiva a MediaPro, poi il resto dipenderà dagli accordi commerciali fra gli spagnoli e i vari operatori, da quelli che tradizionalmente trasmettono la Serie A come Sky e Mediaset, fino a quelli operativi sulla piattaforma Internet, come Perform o Tim. Non è escluso che gli operatori possano essere invitati a confezionare e rivendere agli abbonati pacchetti dedicati solo alla Serie A (e non più al calcio o allo sport, come accade ora in genere), in modo anche da rendere più chiaro il valore effettivo del prodotto.

Tagged

Lascia un commento