Cambia la Serie A in tv. Cosa fare degli abbonamenti Sky e Mediaset?

Economia In Rilievo

Condividi!

Parlare di rivoluzione sarebbe eccessivo ma dalla prossima stagione ci saranno cambiamento importanti nel modo in cui i tifosi guarderanno il calcio in televisione. La Lega Serie A ha infatti assegnato al gruppo spagnolo Mediapro i diritti tv per il prossimo triennio per 1,05 miliardi a stagione. Non solo su satellite e digitale terrestre, nel prossimo triennio la Serie A andrà in onda su ogni piattaforma, anche sulle Iptv (tv su internet) e i telefonini secondo i piani dell’intermediario che si è aggiudicato i diritti del nostro campionato per i prossimi tre anni.

Un abbonato a Sky o Mediaset «assolutamente non dovrebbe disdire l’abbonamento ma stare fermo e aspettare». Questo il consiglio di Luigi De Siervo, amministratore delegato di Infront, l’advisor con cui la Lega Serie A ha accettato l’offerta. I tifosi dovranno abbonarsi ad un altro soggetto differente rispetto a Mediaset e Sky? Sembra di no perché Mediapro non intende trasmettere in proprio le partite. I suoi piani prevedono di rivenderle a tutti gli operatori interessati.

LEGGI ANCHE: Tavecchio si è dimesso. Cambierà il calcio italiano?

Media Pro ha detto di ispirarsi al modello della Premier League inglese, il campionato di calcio più ricco e seguito a livello mondiale. Dai big match agli scontri salvezza, la Serie A deve andare in scena in tv con un unico standard produttivo, raccontando un romanzo sportivo, non singoli episodi. La missione della società spagnola è quello di «rendere identificabile il marchio calcio».

Entro 45 giorni l’Autorità garante della concorrenza e del mercato dovrà dare il via libera per l’assegnazione definitiva a MediaPro, poi il resto dipenderà dagli accordi commerciali fra gli spagnoli e i vari operatori, da quelli che tradizionalmente trasmettono la Serie A come Sky e Mediaset, fino a quelli operativi sulla piattaforma Internet, come Perform o Tim. Non è escluso che gli operatori possano essere invitati a confezionare e rivendere agli abbonati pacchetti dedicati solo alla Serie A (e non più al calcio o allo sport, come accade ora in genere), in modo anche da rendere più chiaro il valore effettivo del prodotto.

Tagged

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.