Dobbiamo fidarci della crescita del Pil?

Economia In Rilievo

Condividi!

Non andava così bene da sette anni. Nella media del 2017 l’economia italiana è cresciuta dell’1,4% rispetto all’anno prima. Lo rileva l’Istat, nella prima stima sulla crescita del Pil in termini grezzi, basata su dati trimestrali. Bisognerà però aspettare il primo marzo per conoscere il dato di riferimento per la politica economica, considerando che le previsioni del Governo indicano un +1,5%. Ancora più tardi, in aprile, ci sarà la comunicazione a Eurostat valida ai fini dei parametri europei.

I numeri sono certamente importanti ma bisogna sempre considerare che le performance economiche dell’Italia sono state gravate per quasi un decennio dalla crisi esplosa nel 2008. Sarebbe fondamentale capire Quanto ci sia di strutturale e quanto di temporaneo in queste performance positive. L’Italia è cresciuta dell’1,6 per cento nel quarto trimestre 2017. leggermente migliore della previsione per il 2018 contenuta nell’aggiornamento di gennaio del World economic outlook del Fondo monetario internazionale. Per il Fondo monetario, il Pil dell’Italia nel 2018 si fermerebbe a un +1,4 per cento, un dato leggermente inferiore al +1,6 registrato nel quarto trimestre 2017. Per capire se siamo davvero davanti una reale ripresa del ciclo economico è fondamentale il confronto con le altre grandi economie europee.

Come ha osservato Francesco Daveri su Lavoce.info «nell’eurozona nel suo complesso e segnatamente in Francia e Germania, il dato del quarto trimestre è in accelerazione rispetto al dato annuale del 2017 ed è anche nettamente migliore della previsione del Fondo Monetario per il 2018. La buona performance dell’economia europea induce a ritenere che il Fondo Monetario sia troppo pessimista sulle possibilità di crescita del Vecchio Continente nel 2018. Ma i dati italiani confrontati con quelli europei mostrano l’incapacità dell’economia italiana di accelerare in linea con l’accelerazione di cui stanno beneficiando i nostri partner e concorrenti dell’eurozona».

Tagged

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.