Google contro bitcoin: vieterà le pubblicità delle criptovalute

Digitale In Rilievo

Google ha annunciato che a partire da giugno proibirà le pubblicità delle criptovalute sulle proprie piattaforme di inserzioni, seguendo la decisione presa da Facebook lo scorso gennaio. Saranno vietate anche le pubblicità di opzioni binarie (cioè contratti che permettono di scommettere sull’andamento di un certo titolo) e in generale dei prodotti finanziari speculativi o non regolati.

A essere diffuse su Google sono soprattutto le pubblicità delle ICO, cioè le Initial Coin Offering, le operazioni con le quali chi mette sul mercato una nuova criptovaluta mette in vendita le singole unità per raccogliere finanziamenti.

Con la grande diffusione ed espansione del mercato delle criptovalute negli ultimi mesi, ci sono state diverse truffe che hanno fatto perdere anche molti soldi agli investitori più inesperti: una delle più recenti è stata quella che ha coinvolto BitConnect, un sito per scambiare criptovalute che è stato chiuso perché sospettato di essere una truffa strutturata su uno schema Ponzi.

Dopo l’annuncio di Facebook lo scorso gennaio, gli operatori del trading su criptovalute hanno cercato di aggirare il divieto eliminando le parole chiave, ma Google ha anticipato che il motore cercherà di prevenire manovre di questo genere in modo da poter garantire che agli utenti ignari non arrivino messaggi che potrebbero indurli a fare investimenti pericolosi.

Il cambiamento della policy di Google è stato annunciato in occasione della diffusione del report annuale sulle “bad ads”, che presenta i dati delle pubblicità pericolose, truffaldine e controverse che Google ha aliminato nel corso del 2017 dal suo motore di ricerca: le pubblicità rimosse sono quasi raddoppiate a 3,2 miliardi da 1,7 l’anno prima.

Tra questi figurano 79 milioni di messaggi che rimandavano a siti con malware, mentre Google ha bloccato oltre 7mila account di persone che millantavano notizie truffaldine e oltre 12mila siti che copiavano articoli da altre pubblicazioni.

Condividi!

Tagged